Arcore, lezioni di antimafia con Nando Dalla Chiesa

Un ciclo di cinque incontri inseriti nel programma dell'"Unitre", l'università delle Tre Età organizzata dal Comune

Arcore, lezioni di antimafia con Nando Dalla Chiesa
04 Maggio 2017 ore 22:15

Il docente universitario, scrittore e politico Nando Dalla Chiesa sbarca ad Arcore. E lo farà attraverso un ciclo di cinque incontri, organizzati dall’Amministrazione comunale attraverso l’Unitre, l’Università delle Tre Età, pensata per i meno giovani.

Si tratta di un progetto di corso sulla legalità e la lotta alla mafia, che sarà presentato nella primavera 2018 alla locale “Università delle Tre Età” sotto la direzione del docente di Sociologia della criminalità organizzata all’Università degli Studi di Milano.

Fiore all’occhiello

Il ciclo di incontri organizzato dal Comune sulla legalità è un vero e proprio fiore all’occhiello dei corsi che verranno presentati lunedì prossimo, nel Municipio arcorese, durante la conferenza stampa organizzata dall’assessore alla Cultura Paola Palma. “Avere tra i nostri docente Nando Dalla Chiesa ci riempie di orgoglio – ha sottolineato Palma – Dalla Chiesa ci ha confermato che farà di tutto per essere presente a più incontri possibili. Ma quando questo non sarà possibile per via dei numerosi impegni del docente universitario, ci saranno i suoi collaboratori della cattedra di Sociologia”.

Il suo curriculum

Esponente di spicco del Pd, Dalla Chiesa è un sociologo, laureato in economia alla Bocconi,  insegna Scienze Politiche di Milano e collabora con diversi giornali come il Fatto diretto da Antonio Padellaro. Da cinque anni è anche editore di Melampo, la casa editrice che ha fondato insieme a Lillo Garlisi e Jimmy Carocchi, suoi allievi bocconiani arrivati al successo nell’editoria per i fatti loro.

E la lotta alla mafia…

Dalla Chiesa ha fondato un circolo di nome “Società civile” nella Milano degli anni Ottanta. Poi, con l’amico Gianni Barbacetto, ha fondato il mensile omonimo, grande esperienza giornalistica fatta da ragazzi irripetibili. Ha fondato con Leoluca Orlando e Diego Novelli la Rete, un movimento che diede agli inizi degli anni Novanta dignità politica nazionale all’idea che si dovesse combattere la mafia. Ha fondato pure Omicron, rivista sulla criminalità organizzata al nord, sempre con Gianni Barbacetto.

Infine è nata da una sua idea, insieme ad una quarantina di lettori del suo blog, la Scuola di formazione politica “Antonino Caponnetto”. Non ha invece fondato “Libera”, la bellissima associazione di don Ciotti, ma ha l’orgoglio di esserne stato eletto presidente onorario.

Rodrigo Ferrario

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia