Assolto Pistocchi, era accusato da Moggi di diffamazione

Il processo in primo grado si è chiuso nei giorni scorsi in Tribunale a Monza. Annunciato il ricorso in Appello.

Assolto Pistocchi, era accusato da Moggi di diffamazione
Monza, 01 Febbraio 2020 ore 15:16

Assolto Pistocchi, era accusato da Moggi di diffamazione. Il processo si è chiuso nei giorni scorsi in Tribunale a Monza.

Assolto Pistocchi, era accusato da Moggi di diffamazione

È stato recentemente assolto in tribunale a Monza il giornalista Maurizio Pistocchi. La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico, Valeria Tiengo. Il giudice ha ribaltato la richiesta di condanna formulata dalla Procura che aveva chiesto 700 euro di multa. La parte civile aveva chiesto inoltre  il pagamento di 50.000 euro di danni morali e materiali. Ma il Giudice ha respinto in toto le richieste della Pubblica accusa.

La tesi dell’accusa

Luciano Moggi in Tribunale a Monza, in una precedente udienza del processo in cui era imputato Maurizio Pistocchi

Nelle sue conclusioni, la Procura non aveva avuto dubbi rispetto al carattere diffamatorio delle dichiarazioni di Pistocchi contro l’ex dirigente della Juventus, Luciano Moggi, che era stato accostato tra gli altri a Genny la Carogna “Moggi – ha detto  il vice procuratore onorario Cristina Kluzer – ha dichiarato di non conoscere Genny la Carogna, noto personaggio figlio di un camorrista, Desantis, il tifoso che aveva ucciso un altro tifoso prima di una partita, o Vallanzasca. Ritengo che nel caso di specie non si possa parlare di un semplice parallelismo, mettendo sullo stesso piano Moggi con questi personaggi. Vuol dire attribuirgli condotte penali ben più gravi rispetto a quelle contestate nei processi che lo hanno riguardato. Pistocchi poteva limitarsi a sostenere, secondo diritto di critica, che Moggi non avrebbe dovuto essere ospitato nelle trasmissioni televisive. Credo quindi che le sue frasi abbiano valenza diffamatoria.  Sono frasi che superano il diritto di critica, un’associazione che è gravemente lesiva della reputazione della parte offesa”.

Sulla stessa linea anche l’avvocato di parte civile, Maurizio Pettiti: “Moggi è stato avvicinato a criminali. C’è la volontà di infangare dolosamente l’immagine di Luciano Moggi. Chiedo un danno da 50.000 per danni materiali e morali, di cui 30.000 provvisionali, immediatamente esecutivi”.

La linea difensiva

La difesa, rappresentata dall’avvocato Salvatore Pino, ha chiesto l’assoluzione dell’imputato: “La parte civile ha fatto passare il messaggio che per Pistocchi le condotte di Moggi erano state paragonabili a quelle di Genny la Carogna, Desantis e Vallanzasca, ma il discorso che ha fatto Pistocchi è molto differente. Il diritto di critica, come ha scritto il giudice già in una sentenza del tribunale di Monza, non ha una valenza statica, ma è consentito avere più ampie maglie espressive, usare un linguaggio più aspro, tanto è più il rilievo pubblico di una vicenda… Pistocchi parte da una considerazione che è totalmente veridica. Pistocchi ha espresso un suo giudizio personale: abbiamo un soggetto che in ambito sportivo ha compiuto condotte antisportive e per Pistocchi il fatto che possa continuare a interferire parlandone in Tv non è accettabile. Per Pistocchi c’è una antinomia: per lui visto ciò che è successo non può esserci più contatto tra Moggi e il calcio. Visto il male fatto al mondo del calcio. Le sue sono similitudini, figure retoriche accentuate. Lui non fa un uguale tra Moggi e Vallanzasca. Lui usa un “come se”. Evidenzia un’antinomia. Un artificio retorico, anche abbastanza blando, neppure molto mordace. Non c’è nulla di illecito, lo dice la giurisprudenza, lo scrive una sentenza del 2019 che riferisce che è consentita persino la provocazione.  Il focus è sul mondo del calcio che dovrebbe essere pulito: l’unico comun denominatore tra i tre personaggi e Moggi è il calcio. Indica solo i soggetti che a vario titolo hanno fatto del male: ognuno a modo proprio, ma non sono state fatte delle attribuzioni. Le affermazioni di Pistocchi rientrano nel diritto di critica, neppure tanto mordace”.

Verrà presentato ricorso in appello. Ma intanto il giudice in primo grado ha accolto la tesi difensiva.

TORNA ALLA HOME