Auto sfasciate dopo lo scontro all’incrocio FOTO

Violenta collisione a Seregno, in ospedale una 59enne di Meda. A terra quasi invisibile la segnaletica dello "stop".

Auto sfasciate dopo lo scontro all’incrocio FOTO
Seregnese, 29 Agosto 2019 ore 11:33

Auto sfasciate dopo lo scontro all’incrocio fra via Livorno e via Modena a Seregno. Ferita una donna di 59 anni, trasportata con l’ambulanza di Seregno Soccorso all’ospedale di Desio.

Auto sfasciate dopo l’impatto all’incrocio

Una donna ferita e due auto sfasciate. E’ il bilancio dell’incidente di giovedì mattina all’intersezione fra le vie Livorno e Modena, in zona Santa Valeria. Sono entrate in collisione una “Fiat Stilo” e una “Renault Twingo”, guidate rispettivamente da una donna di 59 anni e  un uomo di 50. La prima conducente è rimasta ferita. Sul posto Polizia locale e ambulanza di Seregno Soccorso per il trasporto all’ospedale di Desio in codice giallo.

6 foto Sfoglia la gallery

La dinamica del sinistro

Secondo le prime risultanze della Polizia locale, la “Fiat Stilo” che percorreva via Modena avrebbe saltato lo “stop” al momento di impegnare l’incrocio. Inevitabile il violento impatto con la “Renault Twingo” che viaggiava in via Livorno con direzione via San Vitale. A seguito dell’urto, la “Fiat Stilo” è finita contro il muro di cinta dell’abitazione che si trova all’angolo fra le due strade.

A terra invisibile la segnaletica

A seguito della collisione sono esplosi gli air bag di entrambe le vetture. Si è reso necessario l’arrivo del carro attrezzi per la rimozione dei mezzi coinvolti e non marcianti. In via Modena è presente la segnaletica verticale che indica lo “stop” ma le strisce sull’asfalto ormai sono pressoché cancellate e invisibili. L’impatto di giovedì mattina poteva avere conseguenze ancora più gravi. Nel corso dell’estate l’Amministrazione comunale ha assegnato un maxi-appalto per la sistemazione di oltre venti strade, leggi qui.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia