Automobilisti occhio alle nuove colonnine autovelox

Nei giorni scorsi ultimata la posa delle colonnine arancioni a Seregno.

Automobilisti occhio alle nuove colonnine autovelox
Seregnese, 09 Marzo 2018 ore 08:55

Seregno: automobilisti occhio alle nuove colonnine autovelox in città.

Completata la posa delle colonnine arancioni

Nei giorni scorsi ultimata la posa delle colonnine arancioni degli autovelox a Seregno: sono cinque e si trovano in via Monti, via Verdi, via Cadore, via alla Porada e via Machiavelli. Non sono ancora attive in attesa del posizionamento della segnaletica obbligatoria per legge in questi casi, poi attenzione e prudenza alla guida per evitare sanzioni per eccesso di velocità. Gli apparecchi autovelox sono già presenti in altri Comuni brianzoli e Seregno si è aggiunta attraverso gli ultimi finanziamenti della gestione commissariale.

Ma come funzionano gli autovelox?

Le colonnine sono dotate di un “armadio dissuasore”, nel quale può essere posizionata la cosiddetta “TruCam”, il telelaser che localizza il punto di accertamento. Può produrre anche filmati e immagini che fungono da prova in caso di ricorso dell’automobilista, qualora sia stata registrata l’infrazione al codice della strada. Funzionano a una distanza di oltre un chilometro e sono noti anche come “Velo ok” o “Speed Check”: altrove già hanno creato polemiche e contestazioni di irregolarità.

Per la sanzione deve esserci la pattuglia

E’ il dubbio di molti utenti della strada. La colonnina può multare anche in assenza di immediata contestazione? La risposta è no, in assenza di un’apposita autorizzazione prefettizia. Questi apparecchi autovelox, di fatto, sostituiscono il telelaser portatile utilizzato dalla Polizia locale durante i posti di controllo. Quindi per elevare la multa, qualora sia accertato l’eccesso di velocità, deve essere presente la pattuglia della Polizia locale per la contestazione immediata dopo il transito dall’autovelox.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia