Menu
Cerca
Scoperta

Bar abusivo viola le norme anti Covid: multa da 46mila euro

Gli accertamenti sono scattati dopo che il locale di Seveso è stato pizzicato a servire una cliente, in in violazione delle norme anti Covid

Bar abusivo viola le norme anti Covid: multa da 46mila euro
Cronaca Seregnese, 18 Marzo 2021 ore 08:52

Pizzicato a violare le norme anti Covid, è poi emerso che il bar era in realtà abusivo: per questo nei confronti dei titolari di un locale di Seveso è scattata una maxi multa da 46mila euro

Il bar abusivo e la multa da 46mila euro

Nei giorni immediatamente precedenti al passaggio in “zona rossa”, i Carabinieri della  Stazione di Seveso durante una mirata attività di controllo finalizzata alla verifica dell’applicazione delle misure anti-contagio covid-19 e al contenimento delle forme di assembramento pubblico, nel transitare dinanzi a un bar del paese hanno notato che, nonostante i divieti, era in corso una somministrazione di bevande a una cliente. Per questo  hanno proceduto all’immediata contestazione delle violazioni, alle quali si è aggiunta anche quella relativa alla mancata l’affissione del cartello obbligatorio riportante il numero massimo di persone contemporaneamente ammesse: oltre alla multa al locale, che già nei mesi precedenti era stato visitato dei militari dell’Arma, è stato immediatamente chiuso per 5 giorni e segnalato all’autorità prefettizia.

Sono emerse altre violazioni

Nei giorni successivi, gli accertamenti dei Carabinieri hanno fatto emergere che le inottemperanze del bar erano in realtà ben più ampie e che l’attività era svolta in maniera totalmente abusiva.

I due titolari, in concorso con il gestore materiale del locale, sono stati quindi denunciati per esercizio abusivo di una professione. Inoltre, l’impresa è stata sanzionata per un importo complessivo di oltre 46.000 euro, estinguibile nella misura ridotta di circa 15.000 euro, essendo state accertate una serie di violazioni amministrative: esercizio abusivo di attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande,  apertura di esercizio pubblico senza la prescritta autorizzazione, attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande sprovvista di autorizzazioni in materia edilizia-urbanistica e igienico-sanitaria,  mancata esposizione della riproduzione degli artt. 101 del t.u.l.p.s. e degli artt. 176, 177, 180, 181 e 186 del reg. es. t.u.l.p.s.;

La società di gestione rischia ora anche l’emissione della misura interdittiva della cessazione dell’attività commerciale

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli