Barlassina, 17 anni in carcere ma la salvezza grazie alla scrittura

Diciassette anni di carcere, tanta rabbia dentro, poi la salvezza grazie alla scrittura. E’ incredibile la vita di Giuseppe Barbagallo, 84enne barlassinese  di origini calabresi, che nei suoi tre libri di poesie e due romanzi ha riversato sentimenti, pensieri, amore, dolore.

Barlassina, 17 anni in carcere ma la salvezza grazie alla scrittura
02 Dicembre 2016 ore 08:54

Diciassette anni di carcere, tanta rabbia e poi la salvezza grazie alla scrittura. E’ incredibile la vita di Giuseppe Barbagallo, 84enne barlassinese  di origini calabresi, che nei suoi tre libri di poesie e due romanzi ha riversato sentimenti, pensieri, amore, dolore. “La scrittura mi ha aiutato a sfogarmi quando sono uscito dal carcere e da allora non ho più smesso”, racconta.

Nato il 20 aprile 1932 a Samo di Calabria, nel Reggino, da ragazzo lavorava come carbonaio sull’Aspromonte. “A 20 anni sono stato arrestato con l’accusa di omicidio ma l’ho sempre respinta e non mi sono mai rassegnato a questa condanna”, spiega. In quel periodo buio però Barbagallo si è costruito la sua cultura da autodidatta leggendo i poeti classici e moderni.

Nel 1969  arriva a Barlassina, trova lavoro e sposa Maria. Ma proprio mentre stava iniziando una vita normale, capisce che non riesce a lasciarsi alle spalle il passato. “Era la rabbia che mi faceva scrivere e così è nato “Ombra dietro le sbarre”, il libro nel quale racconto la mia esperienza in carcere”. Esternato quell’impeto doloroso, si è aperto ai sentimenti e ha iniziato a comporre poesie, soprattutto d’amore e ha trovato il suo riscatto.

LA NOTIZIA SUL GIORNALE IN EDICOLA E ANCHE NELL’EDIZIONE SFOGLIABILE ONLINE PER SMARTPHONE, TABLET E PC.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia