Beni confiscati, saranno centri antiviolenza

Centri antiviolenza e case rifugio, approvata mozione presentata dal Movimento 5 Stelle. Regione Lombardia aveva già stanziato 1 milione di euro

Beni confiscati, saranno centri antiviolenza
Monza, 05 Marzo 2019 ore 17:47

Beni confiscati, saranno centri antiviolenza e case rifugio.

Via libera dal Pirellone

Unanime via libera con 59 voti a favore alla mozione presentata dal Movimento 5 Stelle (prima firmataria il presidente della Commissione Antimafia Monica Forte) alla mozione che chiede alla Giunta regionale di impegnarsi per valorizzare i beni confiscati in Lombardia da destinare alla creazione di nuovi centri antiviolenza e di nuove case rifugio. Su questo obiettivo Regione Lombardia può già contare su quasi un milione di euro attribuito mediante il fondo nazionale per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità.

Il documento approvato dall’Aula

Il dispositivo finale del documento approvato, emendato dall’assessore alle Politiche per la Famiglia, la Genitorialità e le Pari Opportunità Silvia Piani, sollecita la Giunta regionale a completare le procedure per il trasferimento delle risorse assegnate alla Regione per il funzionamento dei centri antiviolenza e della case rifugio, sia quelli già esistenti sia quelli di nuova istituzione, al fine di sostenere gli interventi a favore delle donne vittime della violenza e dei loro figli. La mozione chiede inoltre di avviare appositi percorsi finalizzati a facilitare la fruibilità dei beni immobili confiscati alla criminalità organizzata da parte di soggetti non profit impegnati a sostegno della protezione di vittime della violenza di genere.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia