Biglietto unico integrato e le conseguenze per i pendolari delle Groane

Andrea Monti (Lega): “Pendolari di Lazzate e della zona rischiano multe a causa della fretta di Sala a del Pd” e annuncia interrogazione al Pirellone.

Biglietto unico integrato e le conseguenze per i pendolari delle Groane
29 Agosto 2019 ore 12:01

Biglietto unico integrato e le conseguenze per i pendolari delle Groane. Andrea Monti: ““Ecco i risultati della geniale manovra tanto voluta dal Sindaco Sala, dal Pd milanese e dai loro colleghi brianzoli: i pendolari delle Groane si trovano praticamente esclusi e ancora una volta devono pagarne il prezzo con le multe.”

LEGGI ANCHE: Tariffa unica, ecco come funziona e perché i sindaci la vogliono

Biglietto unico integrato e le conseguenze per i pendolari delle Groane

A fare il punto della situazione sul biglietto unico integrato e le conseguenze per i pendolari delle Gronae è il vice Presidente della Commissione Trasporti e Infrastrutture del Consiglio regionale Andrea Monti (Lega):

“Chi proviene da Lazzate, ad esempio – spiega Andrea Monti – cioè da una zona che si trova a cavallo fra 4 Province, deve acquistare l’abbonamento integrato bus-treno per recarsi a Milano. Purtroppo però il suddetto pullman conduce alla stazione di Saronno, che si trova nel territorio della Provincia di Varese e quindi fuori dal Sistema integrato del Bacino di mobilità. Ne consegue che nella prima tratta fino a Cesate, sebbene sia di appena 4 minuti, questi viaggiatori potrebbero trovarsi nella spiacevole condizione di venire multati, essendo sprovvisti di un titolo di viaggio valido per l’intera Saronno-Milano. Sono consapevole del problema che si è venuto a creare ma occorre sottolineare nuovamente come questi siano i risultati della decisione irresponsabile di Sala e del Pd milanese e brianzolo. L’ansia di introdurre troppo rapidamente la tariffa unica integrata non ha lasciato il tempo necessario per limare e sistemare i mille problemi che inevitabilmente si sarebbero generati e di valutare le situazione sui generis. In pratica, solo per avvantaggiare Milano e il suo primo cittadino, tutti i ‘sudditi’ che hanno la sfortuna di vivere in Provincia la stanno prendendo ‘in saccoccia’. Nei prossimi giorni – conclude Andrea Monti – presenterò con urgenza un’interrogazione per attivare l’Assessorato regionale competente per fare in modo che, insieme all’Agenzia, si possa mettere una toppa ai danni causati dalla fretta altrui.”

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia