Blitz antidroga nel quartiere Sant’Albino a Monza VIDEO

Venerdì scorso intervento degli agenti di Polizia Locale supportati da un drone presso un’area agricola in via Giovanni delle Bande Nere. Identificati otto giovani.

Monza, 03 Novembre 2020 ore 17:20

Otto agenti del «Nost» («Nucleo Operativo Sicurezza Tattica») e dell’Ufficio di Polizia Giudiziaria, supportati dalle riprese dall’alto di un drone e dall’unità cinofila. Queste le forze messe in campo venerdì scorso dalla Polizia Locale per il blitz antidroga presso l’area agricola in via Giovanni delle Bande Nere nel quartiere Sant’Albino a Monza.

Blitz antidroga nel quartiere Sant’Albino a Monza

A seguito delle numerose segnalazioni dei residenti e dopo aver messo sotto controllo l’area agricola, vasta e «protetta» dalle piante di granoturco e da una fitta boscaglia, nel primo pomeriggio di venerdì 31 ottobre il Comando di Polizia Locale ha deciso di intervenire.

Gli agenti sono penetrati nel campo simultaneamente da due punti, da via Sardegna e da via Giovanni delle Bande Nere. I giovani presenti hanno provato a darsi alla fuga, alcuni a bordo di un ciclomotore e di una bicicletta, altri a piedi. Gli agenti hanno fermato cinque cittadini italiani, di cui uno minorenne. Dopo oltre mezz’ora sono stati individuati, grazie alla presenza di Narco, altri tre giovani maggiorenni italiani che erano riusciti a fuggire e si erano nascosti all’interno del campo di granoturco, così come risultava anche dalle riprese del drone. I soggetti, residenti a Brugherio e a Monza, sono stati tutti identificati e questa operazione, con lo smantellamento della «centrale dello spaccio», è risultata fondamentale per riprendere il controllo dell’area.

La centrale dello spaccio

All’interno della boscaglia gli agenti hanno scoperto un’area attrezzata con tavolini, sedie e un telo come tettoia. Qui sono state rinvenute un’accetta, un forcone, una ricetrasmittente accesa, uno zaino abbandonato con evidenti tracce di sostanze stupefacenti, un portafoglio vuoto e modeste quantità di sostanze stupefacenti. Una seconda ricetrasmittente è stata ritrovata in una zona più lontana dall’area, accesa sullo stesso canale dell’altra. Tutto fa pensare che l’area fosse utilizzata per lo spaccio di sostanze stupefacenti, con una organizzazione che ne controllava l’accesso.

Il Comando di Polizia Locale ha provveduto a darne notizia all’Autorità Giudiziaria mediante apposita comunicazione a carico di ignoti. Al termine dell’attività della Polizia Locale l’area è stata ripulita e sgomberata dall’operatore del servizio di igiene urbana.

Più tecnologia e più uomini

«Investire risorse per dare alla Polizia Locale nuovi strumenti tecnologici per migliorare l’efficienza e la preparazione delle nostre donne e uomini in divisa significa investire sulla sicurezza dei cittadini, spiega l’Assessore alla Sicurezza Federico Arena. Questa operazione dimostra la bontà della scelta di orientare sempre di più l’attività di Polizia Locale anche verso un ruolo di moderno agente di polizia. In questa operazione l’appoggio del drone è stato decisivo a prova del fatto che la tecnologia è fondamentale per la nostra attività. Lo dimostrano anche le telecamere mobili, le “body cam”, o il sistema di fotosegnalamento di cui abbiamo dotato il Comando di via Marsala. Ma la tecnologia senza donne e uomini preparati e in grado di usarla non serve. Per questo proprio in queste settimane si sta svolgendo il maxi concorso per l’assunzione di venti nuovi agenti. Perché per noi più sicurezza significa più uomini in divisa sulle nostre strade».

TORNA ALLA HOME 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia