Cronaca

Botte alla figlia per un selfie: 40enne finisce in carcere

Una foto ritenuta "fuori luogo" e per la quale la tredicenne sarebbe stata brutalmente aggredita dal genitore.

Botte alla figlia per un selfie: 40enne finisce in carcere
Cronaca Vimercatese, 24 Aprile 2018 ore 15:18

Un uomo di 40 anni, italiano, impiegato , incensurato, è stato arrestato dai Carabinieri di Vimercate per maltrattamenti in famiglia ai danni di moglie e figlia tredicenne, con cui abita nel Vimercatese.

Botte alla figlia 13enne per un selfie: 40enne finisce in carcere

L'uomo si sarebbe scagliato contro la figlia domenica scorsa per un selfie che la ragazzina ha postato su Instagram durante un pranzo con una compagna di scuola e i suoi genitori. Una foto ritenuta "fuori luogo" e per la quale la tredicenne sarebbe stata brutalmente aggredita dal genitore, una volta tornata a casa.

A quanto si è appreso, l'uomo l'ha colpita a calci e pugni al volto e con un tronchese le ha tagliato le unghie delle mani e strappato il piercing all'ombelico. Picchiata anche la madre, 40 anni, che ha cercato di difenderla. Il lunedì successivo, tentando di camuffare con il trucco i segni delle botte, la tredicenne è andata a scuola. Il padre ha però ordinato alla moglie di andare a prenderla e riportarla a casa, dove l'ha nuovamente aggredita a bastonate facendole perdere i sensi. A chiamare i carabinieri è stata la mamma, fuggita da casa per chiedere aiuto a un'amica.

L'uomo è stato arrestato e portato in carcere a Monza. Madre e figlia sono state medicate in ospedale e dimesse con 15 giorni di prognosi. A quanto emerso i maltrattamenti andavano avanti da anni. Nel 2015 la madre aveva denunciato il marito, ma il procedimento era stato archiviato.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie