Brumotti minacciato sui social: denunciati due rapper monzesi

Brumotti minacciato sui social: denunciati due rapper monzesi
Monza, 10 Maggio 2019 ore 16:24

Brumotti minacciato sui social: denunciati due rapper monzesi

Sono due i monzesi denunciati per le minacce – anche di morte – sui social ai danni di Vittorio Brumotti, l’inviato del tg satirico di Canale 5 Striscia la notizia. Si tratta del rapper Mr Rizzus e di un secondo soggetto che, sul web, si fa chiamare Jordan.20900 (nella foto Jordan insieme a Brumotti fuori dalla stazione)

Per mesi Brumotti era stato oggetto di pesanti insulti e gravi minacce, anche di morte, sui social da parte di alcune persone delle quali si conoscevano solo gli pseudonimi.

Le minacce, legate soprattutto ai servizi che l’inviato realizza nelle principali piazze dello spaccio – tra le quali Monza, appunto, dove un gruppo di stranieri lo aveva preso a bottigliate –  erano infatti degenerate nella pubblica istigazione alla violenza nei suoi confronti. Di qui la decisione di sporgere denuncia.

Le indagini

Le indagini hanno portato gli agenti della Questura di Monza, insieme ai colleghi del Commissariato Centro di Milano, sulle tracce dei due monzesi, entrambi già noti alle Forze dell’ordine per diversi episodi di microcriminalità legati soprattutto a reati predatori e contro il patrimonio.

Nella mattinata di oggi, venerdì, sono scattate le perquisizioni che hanno portato al sequestro del materiale elettronico utilizzato per commettere i reati, oltre che di 40 grammi di sostanza stupefacente in possesso di uno dei due.

Entrambi sono stati denunciati per istigazione a delinquere ed atti persecutori, mentre uno solo dei due è stato deferito anche per il possesso ai fini di spaccio della sostanza stupefacente.

Uno dei due è stato denunciato anche dalla Polfer per minacce

Uno dei due, inoltre, nel pomeriggio di ieri, è stato fermato dal personale della Polizia Ferroviaria di Monza nei pressi dello scalo ferroviario e, trovato in possesso di uno sfollagente telescopico, è stato denunciato per porto di oggetti atti ad offendere. Lo stesso ragazzo, non contento, nella serata di ieri, non appena rilasciato dagli Uffici della Polfer, ha pubblicato sui social un video di minaccia e diffamazione contro i poliziotti che lo hanno fermato. Per questo motivo, il giovane è stato denunciato anche per i reati di minaccia e diffamazione.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia