Cadavere murato in una villa del Settecento: tre arresti a Muggiò

A commissionare l'omicidio dell'albanese era stata la sua compagna

Cadavere murato in una villa del Settecento: tre arresti a Muggiò
Monza, 08 Marzo 2019 ore 08:26

Cadavere murato in una villa del Settecento: tre arresti a Muggiò.

Cadavere murato a Senago

I Carabinieri dei Nuclei Investigativi di Monza e Caltanissetta hanno dato esecuzione, tra Muggiò, Enna e Genova, a un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Monza, nei confronti di quattro italiani – tre dei quali residenti a Muggiò – responsabili, in concorso tra loro, di omicidio e occultamento di cadavere del cittadino albanese Lamaj Astrit, residente anche lui a Muggiò.

Scomparso nel 2013

cadavere muratoL’uomo era scomparso nel gennaio 2013 per essere rinvenuto solo quest’anno, il 15 gennaio 2019. Quel che rimaneva del suo corpo era stato trovato murato in un pozzo, in una villa settecentesca in ristrutturazione a Senago, il cui proprietario è risultato assolutamente estraneo ai fatti.

Secondo quanto emerso dalle indagini, a commissionare il delitto è stata la sua compagna, una 64enne commerciante in gioielli di Genova. Lui le aveva sottratto dei preziosi, scappando. E lei ne aveva commissionato l’omicidio.

Seguono aggiornamenti

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia