Cane scappa nella metro e Milano va in tilt, i padroni sono di Varedo

Un cagnolino di proprietà di una coppia di varedesi ha gettato Milano nel caos fuggendo nella metropolitana

Cane scappa nella metro e Milano va in tilt, i padroni sono di Varedo
20 Maggio 2017 ore 17:04

Una storia molto particolare ma che ha avuto un lieto fine, il protagonista è Baloo, un cane di 5 anni che ha bloccato, nel tentativo di ritornare dai padroni, la Metro gialla di Milano. È successo tutto venerdì mattina alle 9.30, quando i “genitori” di Baloo, che abitano a Varedo, mentre stavano lavorando al mercato in zona Porta Venezia, non l’hanno più trovato nel solito posto sotto il banco.

Il cane forse era scappato con un piccolo “aiuto”

Qualcuno forse ha sciolto il guinzaglio dal banco e Baloo ha iniziato il suo girovagare per le strade di Milano: in pochi minuti è sceso in metro a Porta Venezia, da lì si è travestito da ScoobyDoo ed è andato alla scoperta dei meandri della metropolitana, correndo senza una meta. Ha corso ben 6 chilometri, ma non sulla strada, bensì sottoterra, nella galleria dove transitano le metro. Gli operatori dell’Atm si sono accorti di una strana presenza ed hanno lanciato l’allarme, ritrovando in pochi minuti Baloo alla fermata metro più vicina, cioè Affori centro.

Metro bloccata e città in tilt

La presenza del cane in metropolitana ha fatto, ovviamente scattare tutti i protocolli di sicurezza di Metropolitane Milanesi. Il traffico dei convogli è stato bloccato, con evidenti ritardi nelle corse, mezzi sostitutivi di superficie e l’inevitabile coda polemica sui social network.

Sul posto Polizia locale ed Enpa

Una volta recuperato dalla Protezione Animali, Baloo è stato portato nel canile più vicino, dove i padroni sono andati a riprenderlo. Giuseppina Corsaro, la “mamma” di Baloo, insieme al marito Gioacchino Ricchiuto ha commentato così: “È stato un vero miracolo, Baloo è stato veramente un cane coraggioso e fortunato. Ha corso per ben 6 chilometri in galleria ma è riuscito a salvarsi, anche grazie agli operatori dell’Atm. Lo abbiamo cercato per tutta la zona e parlando con un conoscente siamo riusciti a sapere che era in metro ad Affori e che la sua interminabile corsa aveva bloccato tutti i treni. Mi dispiace per tutte le persone che dovevano spostarsi in quel momento”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia