Arma in lutto per la scomparsa di Nicola Lacerenza, per oltre 30 anni carabiniere a Desio

Malato da tempo, "ha dedicato la sua vita al lavoro e alla famiglia"

Arma in lutto per la scomparsa di Nicola Lacerenza, per oltre 30 anni carabiniere a Desio
21 Novembre 2017 ore 21:17

Nicola Lacerenza, ex carabiniere, si è spento a 81 anni, per oltre 30 ha operato alla Compagnia cittadina come appuntato.

Una vita nell’Arma

Classe 1936, originario della Puglia, Lacerenza era entrato nell’Arma dei Carabinieri a 17 anni dopo aver frequentato l’Accademia di Torino. Come primo incarico ha svolto per cinque anni il controllo dei passaporti alla frontiera tra Como e Chiasso. Dopo altri servizi prestati in varie città, si è stabilito a Desio, dove ha lavorato per 30 anni. Durante l’impegno alla frontiera svizzera, aveva conosciuto Rosa Cantaluppi, che è poi diventata sua moglie. Dal matrimonio sono nati tre figli: Patrizia, Luigi e Gianluca.

“Uomo e collega generoso e disponibile”

Impiegato come appuntato alla tenenza cittadina, svolgeva il suo lavoro con passione: “Era sempre pronto ad aiutare, soprattutto i giovani. Molti lo chiamavano Zio Nicola” ricorda la figlia. Persona generosa, disponibile, ma allo stesso tempo piuttosto introversa, Lacerenza ha dedicato la propria vita all’arma: “Il lavoro e la famiglia erano i suoi impegni. Quando non lavorava tutte le attenzioni erano rivolte a noi famigliari” ricorda la moglie. Dopo il congedo, nel 1992, era rimasto attivo come volontario nell’Anc (Associazione Nazionale Carabinieri).

Venerdì l’ultimo saluto

Nicola Lacerenza si è spento lo scorso mercoledì al termine di una lunga malattia che lo aveva colpito da tempo. Venerdì i funerali sono stati celebrati nella parrocchia di San Giovanni Battista. “Ringraziamo davvero tutti. In tantissimi ci sono stati vicino e hanno voluto omaggiare Nicola” concludono i famigliari. L’ex carabiniere è stato anche ricordato domenica durante le celebrazioni della Virgo Fidelis.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia