Cronaca

Arma in lutto per la scomparsa di Nicola Lacerenza, per oltre 30 anni carabiniere a Desio

Malato da tempo, "ha dedicato la sua vita al lavoro e alla famiglia"

Arma in lutto per la scomparsa di Nicola Lacerenza, per oltre 30 anni carabiniere a Desio
Cronaca Desiano, 21 Novembre 2017 ore 21:17

Nicola Lacerenza, ex carabiniere, si è spento a 81 anni, per oltre 30 ha operato alla Compagnia cittadina come appuntato.

Una vita nell'Arma

Classe 1936, originario della Puglia, Lacerenza era entrato nell'Arma dei Carabinieri a 17 anni dopo aver frequentato l’Accademia di Torino. Come primo incarico ha svolto per cinque anni il controllo dei passaporti alla frontiera tra Como e Chiasso. Dopo altri servizi prestati in varie città, si è stabilito a Desio, dove ha lavorato per 30 anni. Durante l’impegno alla frontiera svizzera, aveva conosciuto Rosa Cantaluppi, che è poi diventata sua moglie. Dal matrimonio sono nati tre figli: Patrizia, Luigi e Gianluca.

"Uomo e collega generoso e disponibile"

Impiegato come appuntato alla tenenza cittadina, svolgeva il suo lavoro con passione: "Era sempre pronto ad aiutare, soprattutto i giovani. Molti lo chiamavano Zio Nicola" ricorda la figlia. Persona generosa, disponibile, ma allo stesso tempo piuttosto introversa, Lacerenza ha dedicato la propria vita all'arma: "Il lavoro e la famiglia erano i suoi impegni. Quando non lavorava tutte le attenzioni erano rivolte a noi famigliari" ricorda la moglie. Dopo il congedo, nel 1992, era rimasto attivo come volontario nell'Anc (Associazione Nazionale Carabinieri).

Venerdì l'ultimo saluto

Nicola Lacerenza si è spento lo scorso mercoledì al termine di una lunga malattia che lo aveva colpito da tempo. Venerdì i funerali sono stati celebrati nella parrocchia di San Giovanni Battista. "Ringraziamo davvero tutti. In tantissimi ci sono stati vicino e hanno voluto omaggiare Nicola" concludono i famigliari. L'ex carabiniere è stato anche ricordato domenica durante le celebrazioni della Virgo Fidelis.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie