Carate Brianza, Iperal amplia il parcheggio

La società valtellinese ha acquistato all'asta il terreno comunale in via Marengo: diventerà un posteggio a servizio dei tanti clienti del punto vendita inaugurato a fine 2014.

Carate Brianza, Iperal amplia il parcheggio
Caratese, 10 Luglio 2019 ore 07:14

Iperal amplia il parcheggio a quasi cinque anni dall’apertura del punto vendita a Carate Brianza. Il terreno comunale di via Marengo, alle spalle della sede della Protezione civile, diventerà un posteggio a servizio dei tanti clienti del punto vendita «Iperal» inaugurato in città alla fine del 2014.

Asta pubblica: il terreno acquistato per 160 mila euro

Ad aggiudicarsi l’asta pubblica è stata la «Sc Evolution Spa» a socio unico, società legata al gruppo «Iperal», la catena valtellinese specializzata nella grande distribuzione organizzata, con un’offerta di 160 mila euro sul prezzo a base d’asta fissato a 150 mila con minimo rialzo non inferiore all’1 per cento. Quella della società valtellinese è stata l’unica offerta arrivata in Municipio.

Si tratta di un lotto di circa 1400 metri quadrati che il vigente Pgt (Piano di governo del territorio), destina ad area parcheggi pubblici o privati senza l’attribuzione di indici urbanistici e che verrà destinata all’ampliamento dell’area posteggio del punto vendita del gruppo Iperal che, in meno di tre anni, ha visto crescere notevolmente in città l’apprezzamento e, soprattutto, il numero di clienti. Come del resto nella vicina Besana Brianza, dove di recente è stato aperto un nuovo ipermercato.
La vendita del terreno di via Marengo – insieme allo sblocco della convenzione «Mandelli» e alla alienazione di un’altra area comunale ubicata in via Privata Calatafimi – permetterà all’Amministrazione di Carate di poter far fronte al finanziamento della nuova piattaforma ecologica che sorgerà in via Lombardia nella zona industriale del paese (per circa 770 mila euro) senza dover ricorrere all’accensione di mutui.

TORNA ALLA HOME.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia