Carate Brianza, la raccolta differenziata è da record

A novembre, dopo l'affidamento del servizio di igiene urbana a Gelsia Ambiente e l'introduzione del sacco blu e del sacco arancione, il dato ha sfiorato l'80 per cento.

Carate Brianza, la raccolta differenziata è da record
Caratese, 22 Gennaio 2020 ore 07:50

La raccolta differenziata a Carate Brianza fa segnare il record.

A novembre è boom a Carate

La raccolta differenziata in città fa registrare il botto. Nel mese di novembre, per la prima volta, è stato sfondato il muro del 70 per cento centrando un significativo 78,2%. Una performance straordinaria per il Comune di Carate Brianza, a poche settimane dall’affidamento del servizio di igiene urbana a «Gelsia Ambiente» che dall’11 novembre scorso ha mandato in pensione il vecchio sacco grigio e ha introdotto molte novità, a partire dal sacco blu con microchip fino al sacco arancione per la raccolta domiciliare di pannolini, pannoloni e tessili sanitari.
A dirlo sono i numeri delle statistiche elaborate da inizio 2019 al novembre scorso.  Nei primi dieci mesi dell’anno appena passato Carate Brianza ha fatto registrare una raccolta differenziata tra il 59,68 per cento (gennaio 2018) e il 68,76 (dato di agosto). Il boom è arrivato però a novembre (il mese di dicembre non è stato ancora contabilizzato, ndr) con un’autentica impennata dovuta all’introduzione delle novità del servizio che hanno portato la percentuale di differenziata fino a sfiorare addirittura la soglia dell’80 per cento.

L’assessore: Ora puntiamo a crescere

«Complessivamente negli undici mesi del 2019 – spiega soddisfatta l’assessore all’Ambiente, Eleonora Frigerio (Forza Italia) – la media finale si è attestata attorno al 65 (64,98%, ndr), con un deciso incremento rispetto al 2018 quando ci si era fermati al 60,95%. Ma nel solo mese di novembre il risultato è stato davvero straordinario e non può che rappresentare un punto di partenza importante per il futuro, inducendoci a fare sempre meglio. Carate nella provincia di Monza e Brianza è stata sempre un po’ fanalino di coda nella differenziata pur non avendo una conformazione particolarmente complessa mancando di fatto i grandi complessi condominiali che possono determinare qualche difficoltà… Il passaggio al nuovo gestore – ha precisato Frigerio – ha evidentemente pesato su questo risultato confermando la bontà di una scelta da parte dell’Amministrazione comunale che aveva come obbiettivo principale proprio l’incremento della raccolta differenziata, con il conseguente recupero di maggiori quantità di materiali e risorse ed una riduzione dei rifiuti residui non riciclabili».
Risultati che, come spiega l’assessore stesso, «sono il frutto di un gioco di squadra con, in primo piano, la sensibilità e l’attenzione manifestate da parte dei caratesi che ringraziamo, abbinata alle iniziative di sensibilizzazione avviate dall’Amministrazione comunale che già da luglio avevano iniziato a dare i primi effetti».
L’obbiettivo per i prossimi anni è di arrivare ad incrementare ancora la percentuale fino alla soglia dell’80%. In tema di raccolta differenziata, un’ulteriore spinta arriverà dalla futura piattaforma ecologica, che l’Esecutivo conta di realizzare entro la fine del mandato nell’area industriale di via Lombardia.

TORNA ALLA HOME.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia