Carate festeggia don Gaudenzio, prete da 50 anni

Questa sera, mercoledì 4 settembre in Agorà la Messa con l'ex coadiutore che ha prestato servizio in oratorio dal 1979 al 1989.

Carate festeggia don Gaudenzio, prete da 50 anni
Caratese, 04 Settembre 2019 ore 14:17

Carate Brianza festeggia don Gaudenzio Corno, prete da 50 anni.

Dodici anni a Carate come coadiutore

Questa sera, mercoledì 4 settembre, l’oratorio Agorà e la comunità pastorale Spirito Santo fanno festa all’ex coadiutore oggi vicario parrocchiale a Bornago. Don Gaudenzio è rimasto nel cuore di molti caratesi che lo hanno conosciuto e con il quale hanno trascorso dodici anni di condivisione e momenti di formazione e crescita umana spirituale a Carate.

Classe 1945, il religioso, nativo di Carnate in provincia di Milano, ha studiato per tredici anni nei seminari di Masnago, Seveso, Venegono e Saronno: poi, il 28 giugno 1969 è stato ordinato sacerdote. Il suo primo incarico è stato quello di vicario parrocchiale a Seregno, nel quartiere Lazzaretto, presso la parrocchia Beata Vergine Addolorata a fianco di don Giovanni Ferrè dal 1969 al 1977. In seguito è avvenuto il suo trasferimento a Carate, presso l’oratorio Agorà della parrocchia di Sant’Ambrogio e Simpliciano dove il sacerdote è rimasto fino al 1989.

Il religioso è poi passato a Pasturo, come coadiutore della parrocchia di Sant’Eusebio, fino al 1995, dove è ricordato con molto affetto per il suo proficuo impegno nella Pastorale giovanile della Valsassina.
Dal 1995 al 2007 don Gaudenzio ha servito i fedeli delle parrocchie Sant’Andrea di Maggianico e Santa Maria Assunta di Chiuso in provincia di Lecco prima di approdare a Meda. Nel 2014 il suo trasferimento come vicario a Pessano con Bornago.

Messa in Agorà alle ore 21

Don Gaudenzio celebrerà la Messa in programma questa sera, mercoledì 4 settembre alle ore 21 insieme a tutti i sacerdoti nell’ambito della festa dell’Agorà.

 

TORNA ALLA HOME.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia