Emergenza

Carate, riapre il reparto Covid: già 14 i ricoverati

Anche il presidio cittadino torna ad ospitare pazienti contagiati: il quarto piano della Chirurgia destinato alla degenza dei malati positivi al tampone.

Carate, riapre il reparto Covid: già 14 i ricoverati
Caratese, 01 Novembre 2020 ore 15:35

All’ospedale di Carate Brianza riapre il reparto Covid. In poche ore sono stati già 14 i pazienti ricoverati in via Mosé Bianchi.

Carate Brianza, impennata dei contagi

L’impennata dei contagi registrata in tutta la provincia di Monza e Brianza adesso inizia a fare davvero paura. A Carate Brianza il quarto piano della Chirurgia, sanificato dopo il focolaio che giovedì l’altro aveva interessato parte del personale sanitario e due donne degenti, è stato destinato dal fine settimana all’accoglienza degli ammalati positivi al coronavirus.

Un numero destinato, però, a salire di ora in ora. Da sabato mezzogiorno, quando i pazienti erano otto; in poche ore (l’aggiornamento è del primo pomeriggio di oggi, domenica) i pazienti ricoverati a Carate Brianza sono saliti già a quota 14 e con il Pronto soccorso tuttora in emergenza, secondo quanto fanno sapere dalla direzione dell’Asst Vimercate.

L’ospedale di Carate Brianza era uscito dall’incubo Covid a metà giugno quando gli due ultimi pazienti erano stati trasferiti nel presidio di Vimercate. Per diverse settimane erano stati 70 i posti letto della Chirurgia sottratti alla accoglienza delle persone contagiate dal coronavirus. Durante la prima ondata a Carate erano stati oltre 270 i pazienti curati e seguiti nei reparti dedicati.

Secondo l’ultimo aggiornamento del sindaco Luca Veggian (che risale a ieri, sabato) il numero dei caratesi risultati positivi al tampone è salito di 98  unità, per un totale di 400 casi. Purtroppo il dato più evidente si registra nel numero dei cittadini attualmente positivi, salito a 194 (+92). Sale invece a 33 il numero dei deceduti in città.

TORNA ALLA HOME PAGE.

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia