ORDINANZA

Carate, vietato l’uso improprio di acqua fino a settembre

Divieto assoluto tutti i giorni, fino al 15 settembre dalle 6 alle 22 : non si potranno annaffiare giardini, orti, lavare auto e riempire piscine.

Carate, vietato l’uso improprio di acqua fino a settembre
Caratese, 22 Maggio 2020 ore 11:24

A Carate Brianza il sindaco ha vietato l’uso improprio di acqua fino al 15 settembre.

Divieto assoluto di utilizzare l’acqua potabile per usi diversi da quelli domestici, igienici e produttivi dal lunedì alla domenica, dalle 6 alle 22, fino al 15 settembre.
E’ quanto ha disposto l’ordinanza firmata in settimana dal sindaco di Carate Brianza, Luca Veggian.

Nell’orario di divieto non sarà possibile annaffiare con acqua potabile giardini, orti anche mediante impianti automatici, lavare auto, spazi o aree pubbliche, riempire piscine. Per chi trasgredisce sono previste multe da 25 a 500 euro.

L’ordinanza accoglie le indicazioni di Brianzacque, ente gestore del servizio idrico sul territorio.  Il sopraggiungere della stagione calda visto il perdurare della situazione emergenziale per Covid 19 potrebbe determinare un significativo aumento dei prelievi dagli acquedotti a causa della maggiore permanenza delle persone nelle proprie abitazioni.

“Si prevede un incremento dei consumi di acqua potabile dovuto in particolare da usi impropri lavaggio di superfici scoperte, riempimento di piscine anche non fisse, lavaggio di autovetture e soprattutto l’innaffiamento orti, giardini specialmente in corrispondenza di condizioni metereologiche sfavorevoli, caratterizzate da elevate temperature e scarse precipitazioni; l’acqua estratta dal sottosuolo, in gran parte sottoposta a processi di potabilizzazione e distribuita dai pozzi pubblici, è un bene prezioso e limitato che deve principalmente soddisfare i fabbisogni per gli usi domestici alimentari e igienico-sanitari”, puntualizza ancora l’ordinanza del sindaco di Carate Brianza.

TORNA ALLA HOME.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia