Centro sommerso dai coriandoli, ecco perché

Il sindaco di Vimercate interviene dopo le polemiche.

Centro sommerso dai coriandoli, ecco perché
Vimercatese, 21 Febbraio 2018 ore 14:03

Centro sommerso dai coriandoli, ecco perché. A distanza di quattro giorni dai fatti che hanno scatenato le polemiche, il sindaco 5 Stelle di Vimercate Francesco Sartini spiega cosa è successo e perché il centro cittadino è rimasto per quasi 48 ore invaso da coriandoli e stille filanti gettati dai partecipanti alla sfilata di Carnevale organizzata sabato 17 da Pro loco e oratorio. Una situazione di disagio che, come detto, ha sollevato polemiche. A puntare il dito contro l’Amministrazione comunale sono state in particolare le forze di opposizione.

Ora arriva la replica del primo cittadino che, dopo aver elogiato gli organizzatori per la buona riuscita della manifestazione,  spiega quanto accaduto. Di seguito il comunicato di Sartini.

L’elogio

“Grande partecipazione dei cittadini vimercatesi alla sfilata di carnevale di sabato 16 febbraio,
organizzata dalla Pro Loco Vimercate insieme al Gruppo Volontari di Protezione Civile Comunale,
all’Associazione Alpini, l’Associazione Volontari di Pronto Soccorso di Vimercate (AVPS),
Associazione Nazionale Carabinieri in congedo, Pirati Rugby, il Comitato Genitori e rappresentanti
di classe del plessi Manzoni e Don Milani.
La sfilata, partita da piazzale Martiri Vimercatesi, ha percorso il centro cittadino raggiungendo
infine il Centro Giovanile Cristo Re di via Valcamonica per la festa conclusiva e le premiazioni.
Assegnati premi al gruppo Shalom presente alla sfilata, alla scuola dell’infanzia Ponti presente con
un nutrito numero di bambini che hanno perfettamente interpretato il tema del rispetto
dell’ambiente con una maschera ispirata al riciclo della plastica e realizzato un bellissimo costume
con delle cannucce da bibita colorate.
Sono stati anche aggiudicati due premi da 200€ ciascuno ai plessi scolastici per l’acquisto di
materiale didattico.
L’Amministrazione Comunale ringrazia tutti gli organizzatori per l’ottima riuscita dell’iniziativa e per
aver trasformato Vimercate in un grande palcoscenico di colori, sorrisi, suoni e colori.
L’invito è che queste iniziative possano trovare sempre il sostegno dei cittadini e dei volontari che
mettono a disposizione il loro tempo per sostenere le associazioni e partecipare alla realizzazione
di questi eventi”.

La precisazione

“A margine della sfilata sono state pubblicate sui social alcune immagini che ritraevano tre vie del
centro storico lasciate sporche dopo il passaggio della sfilata.
L’Amministrazione Comunale precisa che, come già avvenuto per gli scorsi anni in occasione di
questo evento, l’ufficio ecologia e CEM Ambiente, che ha in appalto la pulizia meccanizzata della
strade di Vimercate, si sono coordinati per organizzare un passaggio straordinario di pulizia
stradale nelle vie interessate dal passaggio della sfilata.
CEM Ambiente ha previsto oltre alla spazzatrice già presente sul territorio per l’intera giornata di
sabato un’altra spazzatrice a supporto, appunto, della prima in occasione dell’evento previsto.
Indicativamente come da accordi tra l’ufficio ecologia e CEM Ambiente l’inizio della servizio di
pulizia del percorso era previsto a partire dalle ore 16.30.
Le due spazzatrici hanno quindi iniziato a pulire lungo le strade in cui il passaggio della sfilata era
già avvenuto e alle ore 16.30 hanno provato ad entrare nella zona pedonale lungo Via Vittorio
Emanuele II senza riuscirci, vista la presenza ancora numerosa di cittadini che, di fatto, ha
impedito il passaggio.
Gli operatori delle due spazzatrici hanno provato più volte dopodiché, per non aspettare oltre,
hanno ripreso l’una la regolare pulizia della strade, come previsto da appalto, mentre la seconda
ha ripercorso nuovamente le strade in cui era avvenuto il passaggio della sfilata.
Tutti i percorsi svolti dalle due spazzatrici sono registrati tramite GPS e di conseguenza CEM
ambiente ha fornito al Comune tutti i passaggi e il percorso da queste effettuate.
Il disservizio che si è creato e di conseguenza la mancata pulizia in piazza Roma, Santo Stefano e
via L. Da Vinci è avvenuto perché le spazzatrici, effettuato di nuovo il giro, hanno tentato nuovamente alle 18.00 circa di raggiungere la piazza Santo Stefano da Via Mazzini ma, trovandosi
ancora bloccati dalla presenza di numerose persone, veicoli e strutture ludiche, per non creare
situazioni di pericolo hanno posto termine al servizio rientrando in deposito.
Per questo motivo non è avvenuta la pulizia delle tre vie citate, che è stata comunque effettuata
prontamente nella prima mattina di lunedì 19 febbraio, non essendo previsto in appalto un servizio
di pulizia domenicale”

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia