Menu
Cerca
Lutto

“Ciao Diego”: Carnate piange il suo sacrista volontario

Diego Ferrante, 68 anni, era anche vicepresidente dell'associazione "Amici del Presepe" e aveva collaborato con molte altre realtà cittadine

“Ciao Diego”: Carnate piange il suo sacrista volontario
Cronaca Vimercatese, 11 Aprile 2021 ore 11:19

“Ciao Diego”: Carnate piange il suo sacrista volontario. Comunità in lutto per la scomparsa di Diego Ferrante, 68 anni, sconfitto dopo una lunga battaglia contro il Covid.

“Ciao Diego”: Carnate piange il suo sacrista volontario

Il servizio per la comunità come principio fondante della propria vita. Grande dolore in paese per la scomparsa di Diego Ferrante, 68 anni, sacrestano della chiesa parrocchiale e storico volto del volontariato civico. A strapparlo all’affetto della moglie Angela e dei figli Federico e Flavia è stato il maledetto Covid. Un nemico invisibile e subdolo che non ha risparmiato un uomo per bene, generoso e che aveva fatto della disponibilità verso il prossimo il proprio tratto distintivo.

Una vita spesa per Carnate

Nato a Milano e cresciuto a Cinisello Balsamo, Ferrante si era trasferito a Carnate nel 1984. Da subito si era messo al servizio di quella comunità che lo aveva accolto, impegnandosi con dedizione a passione in diversi ambiti del tessuto sociale. Sia con la Protezione civile, che aveva contribuito a far nascere nel 1987, sia con l’associazione sportiva di karate, con cui aveva collaborato per avvicinare i più giovani a questa disciplina. Nei primi anni 2000, insieme alla moglie e all’amico Francesco Tenerani, aveva fondato l’associazione «Amici del Presepe», di cui era attualmente il vicepresidente, impegnandosi personalmente a organizzare mostre e concorsi in tutta la Lombardia. Non era da meno la collaborazione con il mondo della scuola, dove Ferrante era sempre accolto con grande entusiasmo dai bambini, affascinati dal fantastico mondo del presepe che l’uomo sapeva illustrare con estrema dovizia di particolari.

La chiesa, la sua seconda casa

La sua grande devozione lo aveva però portato ad avvicinarsi alla comunità parrocchiale, che in breve era diventata a tutti gli effetti una seconda famiglia per lui. E per la quale si era messo al servizio nel ruolo di sacrestano affiancando il compianto Cesare Passoni, scomparso nel 2008 proprio negli stessi giorni di colui che sarebbe poi diventato il suo successore. Un vero e proprio segno di quel destino che simbolicamente ha voluto riunire le loro anime anche al termine del servizio liturgico terreno. I funerali, molto sentiti e partecipati dalla comunità, sono stati celebrati venerdì pomeriggio dal parroco don Adelio Molteni, che ha voluto ricordare con grande affetto Diego, un fedele collaboratore e un sincero amico.

AMPIO SERVIZIO SUL GIORNALE DI VIMERCATE IN EDICOLA A PARTIRE DA MARTEDI’ 13 APRILE 2021

Necrologie