Come si comporta un vero agente immobiliare?

Che cosa deve fare un mediatore? Quali requisiti deve avere? Risponde Davide Lucianò di Grimaldi Immobiliare Monza

Come si comporta un vero agente immobiliare?
Monza, 04 Marzo 2019 ore 07:00

Come si comporta un vero agente immobiliare? A fornirci la risposta non poteva non essere un professionista che conosce a fondo questa professione. Parliamo di Davide Lucianò, titolare di Grimaldi Immobiliare Monza. «Il mediatore è colui che sta nel mezzo, che media fra le due parti – ha spiegato – un buon mediatore è colui che in primis garantisce che il prodotto in oggetto sia conforme allo stato di fatto e vendibile». Questo si traduce con un’analisi approfondita di tutta la documentazione relativa all’immobile. Di conseguenza l’agente deve saperla leggere, conoscere quali sono i documenti necessari ed essere in grado di verificare il tutto.

Come si comporta un vero agente immobiliare

Naturalmente il mediatore immobiliare deve essere abilitato al ruolo: «Serve sostenere un corso in Camera di Commercio e superare l’esame che abilita alla professione. Non tutti lo fanno, non tutti passano il test. Dati alla mano vediamo che l’80% di chi sostiene l’esame viene bocciato, evidenziando una preparazione molto bassa. Io all’interno della mia agenzia mi sono imposto e tutti sono abilitati al ruolo». Un vero agente immobiliare non può prescindere dalla formazione continua: «Gli aggiornamenti sono costanti, personalmente sono in Camera di Commercio almeno due volte al mese, verifico le disciplinari. Una cosa è certa: non si può pensare di fare questo lavoro come lo si faceva quarant’anni fa».

Il rischio del fai-da-te e dei non professionisti

L’obiettivo di Lucianò è far capire quanto sia rischioso il fai-da-te oppure il rivolgersi a figure non professioniste. La questione è semplice: per essere un vero mediatore immobiliare serve un ampio bagaglio di conoscenze, costantemente in divenire. Se si è «sul pezzo» un’eventuale problema si può risolvere facilmente, altrimenti si rischia di creare danni. Chiudiamo con un esempio: «Oggi l’80% di chi acquista casa lo fa con un mutuo. Quindi è necessaria l’uscita del perito per dichiarare la congruità della valutazione dell’immobile. Nel caso in cui il perito non dia la congruità dell’appartamento si avrà soltanto perso tempo e parecchio».

Informazione Pubblicitaria

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia