Concorezzo, no alle cure per morire con dignità

La 41enne, malata di Sla, ha deciso di non ricorrere alla tracheotomia per poter apparire serena  ai due figli fino alla fine

Concorezzo, no alle cure per morire con dignità
30 Gennaio 2017 ore 22:22

Con il suo sorriso e la grande voglia di vivere, Annalisa Pirovano, 41 anni,  ha combattuto con tutte le sue forze, fino all’ultimo, contro quel male, la Sla (sclerosi laterale amiotrofica, chiamata anche malattia di Lou Gehrig) che giorno dopo giorno, nel giro di un solo anno, l’ha resa sempre più debole.

Ma fin da quando le è stata diagnosticata la malattia, nel novembre del 2015, ha subito espresso la volontà ai suoi famigliari di non sottoporsi a tracheotomia (necessaria per  la respirazione) e all’inserimento del sondino nello stomaco per la nutrizione.

Una decisione coraggiosa che mercoledì scorso l’ha strappata prematuramente, per sempre, all’affetto dei suoi cari.

Tutti i dettagli della notizia sul Giornale di Vimercate in edicola da stamattina, martedì, e anche sull’edizione online e sfogliabile.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia