Concorezzo saluta don Stefano Buttinoni VIDEO E FOTO

Ieri pomeriggio, all'oratorio San Luigi, ha celebrato la sua ultima messa da coadiutore

24 Settembre 2017 ore 08:34

Una folla immensa ieri pomeriggio, sabato, ha riempito l’oratorio San Luigi di Concorezzo per l’ultima messa di don Stefano Buttinoni, concelebrata con il parroco don Angelo Puricelli.

Il sacerdote, dopo nove anni di permanenza in città come responsabile della pastorale giovanile, lascia la parrocchia dei santi Cosma e Damiano e si trasferisce a Monza per collaborare con don Augusto Panzeri, responsabile Caritas della Pastorale di Monza.

“La vita è una grande raccolta a punti…”

Molto toccante l’ultima omelia di saluto che don Buttinoni ha voluto consegnare ai suoi ragazzi. Si tratta di una sorta di testamento spirituale, una sintesi accurata di quanto il sacerdote ha voluto trasmettere, in questi nove anni,  ai suoi fedeli durante il suo ministero sacerdotale tra le mura oratoriane.

“La vita è una grande raccolta a punti come quelli del supermercato – ha esordito così il sacerdote durante l’omelia – Cominciamo fin da piccoli con i sorrisi di mamma e papà o dei nonni. Ci battono le mani e ogni piccolo successo è sottolineato dalla raccolta di un punto. Poi cresciamo e la faccenda diventa sempre più importante: gli applausi per i primi scarabocchi all’asilo e di punto in punto la nostra tessera si riempie. Ma, crescendo, insieme al grado di consapevolezza di sè e della propria libertà, comincia gradatamente a crescere anche la paura di non ricevere più punti”.

“Ma non sono un prete che ama le raccolte a punti…”

“A me le raccolte a punti non mi soddisfano perchè ci vedo dietro sempre delle grandi fregature – ha continuato don Stefano – Millantano premi gratuiti, ma sono cravatte strette attorno al collo. Forse è per questo che questa sera sono qui a ringraziarvi perchè non sono qui a misurare i punti ottenuti, i like su Facebook o i follower su Instagram. Sono qui a dire al Signore grazie per questi nove anni così semplicemente come sono stati. Sono qui a dire grazie perchè sono e mi sento libero. Anche noi sacerdoti dobbiamo stare molto attenti perchè le raccolte a punti sono molto pericolose. Ringrazio il Signore perchè mi ha fatto incontrare tante persone semplici come voi”.

Il grazie del parroco don Angelo

Parole cariche di affetto quelle dedicate dal parroco don Angelo Puricelli nei confronti di don Stefano.

“In questo momento voglio dire anche io grazie a don Stefano, che mi ha introdotto in questa comunità. Ricordo ancora il giorno in cui mi telefonò per la prima volta e mi disse guarda che è una comunità eccezionale, unica nel suo genere, con il cuore aperto e con tanta gente brava. Questa testimonianza di affetto e di amore gratuito di questa comunità ce l’ha fatta sentire don Stefano in questa preziosa omelia di questa sera…”.

Una nuova missione tra gli ultimi e i bisognosi

Collaborerà, quindi, con don Panzeri, responsabile Caritas della Pastorale di Monza. Sarà inoltre assistente spirituale di alcuni gruppi Scout della zona e svolgerà qualche incarico all’interno di una parrocchia monzese.

La nuova guida alla Pastorale Giovanile

E’ invece già stato ufficializzato dalla lettera del Vicario Episcopale monsignor Patrizio Garascia l’arrivo di don Luca Civardi, il 34enne di Limbiate che sta già iniziando a muovere i primi passi a Concorezzo come guida della pastorale giovanile. La messa di ingresso e accoglienza del nuovo sacerdote è in programma per domenica prossima alle ore 10 in chiesa.

6 foto Sfoglia la gallery

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia