Corbetta: La mia ricetta per attirare a Besana i turisti

Dalla valorizzazione dei sentieri alla scoperta di antiche leggende, come quella del Robin Hood di Calò

Corbetta: La mia ricetta per attirare a Besana i turisti
Caratese, 13 Agosto 2019 ore 08:30

Richiamare turisti a Besana è possibile. Il consigliere regionale e comunale Alessandro Corbetta spiega la sua ricetta.

Turisti a Besana

Il fascino del territorio, i prodotti tipici, una rete di soggetti con i quali collaborare: studenti, privati, associazioni, enti. Leggende da scoprire, come quella di Hieronimo Nava da Calò, “una sorta di Robin Hood della frazione che assaltava le carrozze dirette a Milano e Lecco per dividere parte del bottino con i caloresi. Si narra anche di un tesoro sepolto nei campi della frazione…”. E gioielli da far rivivere. I resti della chiesa del mille e 200, nascosti nei prati verso Fonigo, per citarne uno.
A sentire Alessandro Corbetta, consigliere della Lega al Pirellone e in Consiglio comunale, dove ha ricevuto anche la delega a Turismo e Agricoltura, alla città non mancano certo punti di forza per attrarre i turisti “a chilometro zero, o quasi – spiega – Dal Milanese e Monzese ad esempio”.

Il lumbard è al lavoro

Il lumbard si è messo al lavoro con l’aiuto del giovane collega d’Assise Alessandro Cacciatori. Le idee già ci sono. Tante e realizzabili, sfruttando anche “Visit Monza e Brianza”, il brand nato da Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi ed Explora di Regione Lombardia.
Il punto di partenza è l’incontro con le associazioni besanesi – Pro Loco e Ul Gir de Munt in testa – che già organizzano eventi sul territorio. Il summit è in agenda per settembre. Seguiranno poi gli enti, come il Parco Valle Lambro. Ed i privati.

Il servizio completo sul numero del Giornale di Carate in edicola da oggi, martedì 13 agosto.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia