Sciacalli

Coronavirus: Attenti a chi specula sul dolore

La denuncia di Federconsumatori di Monza e Brianza.

Coronavirus: Attenti a chi specula sul dolore
Monza, 03 Aprile 2020 ore 22:23

Coronavirus: Attenti a chi specula sul dolore. La denuncia di Federconsumatori di Monza e Brianza.

Coronavirus: Attenti a chi specula sul dolore

Dopo le forme di sciacallaggio che facevano leva sulla paura oggi, venerdì 3 marzo, Federconsumatori di Monza e Brianza segnala anche che “ci troviamo di fronte a chi specula sul dolore”.

All’associazione è arrivata infatti, una richiesta di aiuto da parte di una famiglia brianzola che ha perso una persona cara causa del coronavirus. Dopo ore e giorni pieni di dolore e di ansia, i familiari sono stati contattati dall’impresa di pompe funebri che ha chiesto circa 4.000 euro per recapitare l’urna cineraria e poter procedere così alla tumulazione.

Un costo esorbitante perché alla famiglia del defunto verrebbe  addebitata una tariffa (circa 200 euro) per ognuno dei giorni in cui la salma è stata ospitata presso una struttura in Emilia Romagna, in attesa della cremazione.  Un episodio grave, sul quale la Federconsumatori sta cercando di fare chiarezza, per accertare eventuali responsabilità. L’augurio è che si tratti di un errore, perché altrove non avviene questo.

“Nelle aree di Bergamo e del confine con il Piemonte – sottolinea in una nota la Federconsumatori Monza e Brianza presieduta da Alessandro Cherubin  – ci risulta che i costi chiesti alle famiglie dei defunti siano notevolmente inferiori, anche per le cremazioni avvenute fuori provincia o fuori regione.

Ci auguriamo, pertanto, si tratti di un caso isolato. Se così non fosse invitiamo le famiglie coinvolte a segnalarcelo, li assisteremo con discrezione e rispetto, per fare in modo che al dolore provato non si debba aggiungere anche la rabbia.

Chiediamo, infine, al Governo e alle istituzioni locali delle aree in cui i fenomeni di mortalità sono più elevati, di verificare con attenzione che nel proprio territorio non si verifichino atti simili, che non sia permesso a nessuna struttura di chiedere compensi per lo stazionamento delle salme, di cui dovrà farsi carico il Comune di riferimento”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia