Il vademecum

Coronavirus e animali: dalle passeggiate alle adozioni, ecco come comportarsi

I responsabili di Enpa spiegano cosa si può e cosa non si può fare

Coronavirus e animali: dalle passeggiate alle adozioni, ecco come comportarsi
Monza, 11 Marzo 2020 ore 15:19

Coronavirus e animali: dalle passeggiate alle adozioni, ecco come comportarsi

Dalle passeggiate, alle adozioni, passando per le attività di volontariato. Enpa Monza e Brianza ha voluto mettere nero su bianco come comportarsi con gli amici a quattro zampe in questo periodo caratterizzato dalle misure restrittive decise dal Governo per limitare al massimo il rischio di contagio da Coronavirus.

Sì alle passeggiate, ma nel Comune di residenza

Fermo restando che si devono sempre rispettare le regole sanitarie (tra le quali distanza di sicurezza, pulizia accurata e continuata delle mani, attenzione a non portarsi le mani alla bocca e agli occhi) e che ci si deve spostare solo quando strettamente necessario, i padroni potranno fare passeggiate coi propri cani. Ma senza uscire dal Comune di residenza.

Colonie feline e attività di volontariato

“Per quanto riguarda le colonie feline, a nostro avviso, sussiste la circostanza dello stato di necessità – spiegano i responsabili Enpa – Se i gatti non venissero accuditi e alimentati, sarebbero esposti a maltrattamento e abbandono”. A questo proposito alcune Prefetture richiedono la dichiarazione dell’ente o dell’associazione di appartenenza, oppure il modulo dell’Asl di assegnazione diretta o nominativa della colonia felina. Enpa Monza e Brianza ha predisposto un modello di autodichiarazione proprio per i tutori e le tutrici delle colonie feline.

L’attività di volontariato può proseguire quando strettamente necessaria per gli animali e, anche in questo caso, è necessario compilare il modello di autocertificazione in cui si dichiara lo stato di necessità.

Adozioni e recuperi di animali feriti

Le adozioni nei rifugi non sono sospese, ma ci si deve recare nel rifugio situato nel Comune di appartenenza o comunque in quello più vicino. Si deve poi tenere conto che vanno seguite le regole del rifugio: alcuni procedono con le adozioni solo su appuntamento.

Nel caso si avvistasse un animale vagante ferito o in difficoltà, lo si deve segnalare alla Polizia Locale. Il soccorso e il recupero di un animale sono considerate prestazione indifferibile.

Cosa fare in caso di ricovero

Infine, gli animali di proprietà di una persona ricoverata devono poter essere accuditi regolarmente da parenti, vicini o amici. In caso di impossibilità, si deve avvisare il servizio veterinario dell’Ats o della Polizia Locale. Enpa Monza e Brianza si rende disponibile, nei casi di assoluta necessità, al ricovero degli animali presso il rifugio di via San Damiano, a Monza, per i Comuni convenzionati.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia