Coronavirus, monzesi obbedienti ai divieti

I cittadini hanno preso sul serio le restrizioni del Governo

Coronavirus, monzesi obbedienti ai divieti
Monza, 10 Marzo 2020 ore 14:42

Coronavirus, monzesi obbedienti ai divieti. Questa mattina, martedì, strade vuote e serrande abbassate.

Coronavirus, monzesi a casa

A giudicare dalla situazione delle strade di questa mattina, martedì, i monzesi sembrerebbero aver preso sul serio le restrizioni imposte dal governo in merito all’emergenza coronavirus.

Poche erano infatti le auto circolanti, e pochi i pedoni in giro nei quartieri e nel centro storico. Quasi che la città si fosse improvvisamente fermata e il silenzio fosse calato inesorabile.

Emblematico il caso di piazza Castello, oggi semideserta. Il parcheggio delle automobili, infatti, per di solito registra il tutto esaurito.

Negozi chiusi

A tal proposito, proprio nel centro storico diversi commercianti hanno deciso di chiudere le attività fino a data da destinarsi. Sulle vetrine cartelli di scuse ai clienti e la promessa di riaprire non appena la situazione sanitaria sarà migliorata.

Li si è visti per esempio in via Teodolinda o ancora in via Mantegazza. Chiusura anche per un parrucchiere in via Pesa del Lino. “Inutile stare aperti – hanno dichiarato i titolari di un bar – La gente ha paura del contagio, e anche noi. Meglio preservare la salute di tutti e ad ogni modo gli incassi sono ormai ridotti al lumicino”.

Diverso è il caso di supermercati e farmacie, all’ingresso dei quali si vedono code di utenti che sembrano non arrestarsi.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia