Novità

Coronavirus, a Seregno chiusi anche i cimiteri

Provvedimento del Comune per limitare gli spostamenti degli anziani. Sospesa la sosta a pagamento in 176 stalli in centro città

Coronavirus, a Seregno chiusi anche i cimiteri
Seregnese, 18 Marzo 2020 ore 10:52

Emergenza Coronavirus, chiusi i cimiteri di via Reggio e di San Carlo dopo parchi e giardini comunali. Sosta libera in 176 posti auto in centro città.

Coronavirus, chiusi i cimiteri a Seregno

Per fronteggiare l’emergenza Coronavirus e limitare ulteriormente gli spostamenti dei cittadini, soprattutto gli anziani, l’Amministrazione da oggi – mercoledì 18 marzo – ha chiuso i cimiteri di via Reggio e di San Carlo. “Sappiamo bene che è una scelta dolorosa, ma diamo anche questo segnale, nonostante sinora non si sia verificata alcuna particolare problematica” nei cimiteri ha spiegato il sindaco, Alberto Rossi.

Sosta libera in 176 posti auto

Il primo cittadino ha firmato anche un’ordinanza con cui viene sospeso il pagamento della sosta nei parcheggi di via Ballerini, piazza Monsignor Gandini (biblioteca) e via Giovanni XXIII in zona stazione. Nel provvedimento è compreso anche il parcheggio in superficie di Largo degli Alpini. In totale sono 176 gli stalli di sosta a pagamento che diventano liberi.  L’ordinanza ha origine dal minor numero di residenti fuori casa che quindi necessitano di parcheggiare l’auto vicino alla propria residenza. 

Il sindaco Rossi: “I controlli ci sono”

Il sindaco Alberto Rossi in un messaggio sui social network è tornato sul rispetto dei provvedimenti per il contenimento del Covid-19. “Gran parte dei cittadini li sta rispettando, gente in giro ce n’è poca ma troppa rispetto a quello che dovrebbe. Anche oggi ci sono state denunce della Polizia locale che ringrazio ma non possiamo controllare seicento strade tutte insieme. Serve la responsabilità di ciascuno”. Intanto ieri, martedì alle 19, è stato trasmesso l’inno d’Italia per celebrare la Festa dell’Unità d’Italia.

Torna alle notizie della home page.

 

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia