Corte dei Conti boccia i “regali” del Comune di Varedo

Parere negativo dalla Corte dei Conti agli omaggi per maggiorenni e neo-sposi. Il Comune di Varedo corre ai ripari.

Corte dei Conti boccia i “regali” del Comune di Varedo
06 Aprile 2017 ore 14:03

Dalla Corte dei Conti è arrivato il cartellino giallo all’Amministrazione di Varedo.

Regali non ammessi

La censura ha puntato il dito contro i libretti della Costituzione che ogni anno il Comune regala ai ragazzi che diventano maggiorenni. Sotto accusa anche il piccolo dono che viene fatto alle coppie che si sposano civilmente in Comune. Per la Corte dei Conti, infatti,  questi cadeau si possono più fare.

La reazione del Comune

Dopo la segnalazione della Corte dei Conti, l’Amministrazione di Varedo ha subito deciso di correre ai ripari. Per il futuro, dunque, niente più omaggi agli sposi, mentre per i maggiorenni dal Comune dicono: “Valuteremo di volta in volta”. Un intervento che non tocca soltanto l’amministrazione brianzola. Molti Comuni sono soliti omaggiare i propri cittadini maggiorenni di una copia della Costituzione. Un gesto che suggella il passaggio all’età adulta, con l’acquisizione di nuovi diritti e doveri.

Corte dei Conti: cosa fa?

La Corte dei conti è un organo stabilito dalla Costituzione. Il suo compito è legato alla giurisdizione nelle materie di contabilità pubblica e nelle altre specificate dalla legge. Come riporta l’articolo 100 della Costituzione: “La Corte dei Conti esercita il controllo preventivo di legittimità sugli atti del Governo, e anche quello successivo sulla gestione del bilancio dello Stato. Partecipa, nei casi e nelle forme stabiliti dalla legge, al controllo sulla gestione finanziaria degli enti a cui lo Stato contribuisce in via ordinaria. Riferisce direttamente alle Camere sul risultato del riscontro eseguito”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia