Dal 15 novembre scatta l’obbligo di pneumatici invernali o catene a bordo ECCO DOVE

Ecco tutti i tratti interessati e cosa si rischia se non si è in regola.

Dal 15 novembre scatta l’obbligo di pneumatici invernali o catene a bordo ECCO DOVE
13 Novembre 2018 ore 17:44

Dal 15 novembre al 15 aprile è in vigore l’obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali su alcuni tratti delle strade statali della Lombardia maggiormente esposte al rischio di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio durante la stagione invernale.

Provincia di Lecco e Provincia di Sondrio

Ecco i tratto interessati:

–          strada statale 36 “del Lago di Como e dello Spluga”da Trivio del Fuentes (km 96,700) al confine di Stato (km 149,560);

–          strada statale 36 Racc “Raccordo Lecco-Valsassina” da Lecco (km 0) a Ballabio (km 9,015);

–          strada statale 37 “del Maloja”, da Chiavenna (km 0) al confine di Stato (km 10);

–          strada statale  38 “dello Stelvio” da Trivio del Fuentes (km 0,900) a Bagni Vecchi (km 106,500);

–          strada statale 38 dir A “dello Stelvio” da Tirano (km 0,000) al confine di Stato (km 1,700);

–          strada statale 38 Var/A “Variante di Bormio” da Valdisotto, frazione Santa Lucia (km 0) a Valdisotto, frazione Oga (km 1,335);

–          statale 38 Var “Variante di Morbegno” da Colico (km 0) allo svincolo di Tartano (km 18,200);

–          dal 15 novembre al 30 aprile l’obbligo sarà in vigore sulla statale 301 “del Foscagno” da Bormio (km 0) a Livigno (km 36,939).

Varese

–          strada statale 233 “Varesina”, da Varese (km 53,850) al confine di Stato (km 72,116);

–          strada statale 344 “di Porto Ceresio”, da Induno Olona (km 2,918) a Porto Ceresio (km 12,862);

–          strada statale 712 “tangenziale Est di Varese”, dal ponte di Vedano (km 0) all’innesto con la statale 233 (km 8,810);

–          strada statale 394 “del Verbano Orientale” da Varese (km 3,450) a Gavirate (km 10);

Già in vigore

Lungo la statale 42 “del Tonale e della Mendola” gli obblighi sono già in vigore dal 1° ottobre (fino al 30 aprile) fra Edolo, al km 118,700 e il Passo del Tonale, al km 147,850, e dal 1° novembre fra Berzo Demo, al km 105,980, e Edolo, al km 118,700.

Leggi anche:  Carabinieri e Nas a Lecco e in Brianza: guai per i titolari due locali

Sulla statale 39 “dell’Aprica” fra il km 0 e il km 29,080, l’obbligo è invece in vigore dal 1° novembre e terminerà il 30 aprile 2019, così come sulla statale 591 bis “Cremasca”, dove le prescrizioni sono istituite fra Grassobbio, al km 2,200 e Zanica, al km 5,400.

Prestare la massima attenzione

L’obbligo è segnalato su strada tramite apposita segnaletica verticale e si estende al di fuori del periodo previsto in caso di precipitazioni nevose, formazione di ghiaccio o fenomeni di pioggia ghiacciata. Durante il periodo di validità del provvedimento i ciclomotori e i motocicli potranno circolare solo in assenza di neve o ghiaccio sulla strada e di precipitazioni nevose in atto. Nella pagina “piani e interventi” del sito Anas (http://www.stradeanas.it/it/piani-interventiè possibile visualizzare tutti i tratti stradali ed autostradali ove vige l’obbligo di catene a bordo o pneumatici da neve e le principali aree di sosta in caso blocco della circolazione per i mezzi pesanti.

Catene a bordo o pneumatici invernali: cosa si rischia se non si è in regola?

Chi viaggia senza catene commette una violazione al codice della strada e rischia una sanzione che varia a seconda che ci si trovi o meno nei centri urbani. Nei centri abitati la sanzione minima è di 41 euro, mentre al di fuori è di 85 euro. In caso di multa viene intimato al conducente di fermarsi oppure di proseguire la marcia solo dopo aver dotato il veicolo di mezzi antisdrucciolevoli. Quando non viene rispettato l’ordine è prevista una sanzione di 85 euro e la decurtazione di 3 punti dalla patente.

Necrologie