Guardia di Finanza

Designer di Meda truffato dalla segretaria per 4,5 milioni di euro

Si tratta del famoso architetto Antonio Citterio.

Designer di Meda truffato dalla segretaria per 4,5 milioni di euro
Seregnese, 01 Ottobre 2020 ore 14:11

Il noto designer Antonio Citterio, originario di Meda, truffato dalla segretaria per 4,5 milioni di euro.

Truffa ai danni del noto architetto di Meda

Il noto designer e architetto con studio a Milano è stato truffato da una delle sue collaboratrici che, con la complicità di un funzionario di banca, dal 2013 al 2018, approfittando della delega ad operare sui conti correnti dello studio del professionista settantenne, avrebbe incassato indebitamente l’ingente somma.

Operazione della Guardia di Finanza

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Milano, su delega della locale Procura della Repubblica, stanno eseguendo una ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano, con cui è stata disposta la misura cautelare personale dell’obbligo di dimora nei confronti di un indagato e il decreto di sequestro preventivo, su beni e disponibilità per circa 4,5 milioni di euro, nei confronti di un’altra persona indagata. Le investigazioni condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Milano hanno permesso di capire come, dal 2013 al 2018, i due indagati abbiano creato una complessa e sistematica attività truffaldina, ai danni del studio di architettura milanese e del suo titolare.

La segretaria si approfittava della delega a operare sui conti correnti

In particolare, le articolate indagini di polizia giudiziaria delegate dall’A.G. inquirente hanno consentito di ricostruire le condotte illecite perpetrate da una delle persone indagate, dipendente dello studio professionale. La stessa, anche approfittando della delega conferita ad operare sui conti correnti dello studio e, di fatto, dell’essere l’unico soggetto ad interfacciarsi con l’Istituto di credito dove erano accesi tali rapporti bancari, con la complicità dell’altro soggetto indagato, dipendente della stessa banca, incassava ingenti somme adoperando artifizi e raggiri nei confronti degli altri funzionari della banca, indotti in errore dall’apposizione di firme false del titolare dello studio su distinte di prelievo di denaro contante, su oltre duecento assegni, nonché sulle richieste di emissione a sua insaputa di carte di pagamento, utilizzate per acquisti e prelievi di denaro contante.

Sottratti oltre 4 milioni di euro

Le indagini, avviate nel 2018 a seguito di querela della parte offesa, hanno rivelato come i due indagati siano stati in grado di sottrarre, complessivamente, ingenti risorse finanziarie, pari a oltre quattro milioni di euro, dai conti correnti intestati allo studio professionale, nonché al suo titolare, attraverso le citate operazioni non autorizzate. Il denaro illecitamente sottratto è stato impiegato da una delle persone indagate sia in attività speculative, tramite una sistematica e regolare attività di gioco d’azzardo, che in attività economiche, investendo nella ristrutturazione di un ristorante di sua proprietà, situato sulla costa ligure, nel Comune di Chiavari (GE).

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia