Dodici persone sequestrate e rapinate, tre banditi arrestati L’INTERVISTA

Armati di pistola minacciavano le dipendenti di un'azienda contabile e si facevano consegnare l'incasso dei clienti, che poi rinchiudevano in un ripostiglio

Dodici persone sequestrate e rapinate, tre banditi arrestati L’INTERVISTA
08 Novembre 2017 ore 16:45

Seregno: incubo per dodici persone, sequestrate e rapinate da tre banditi poi rintracciati e arrestati dai Carabinieri.

Mattinata da incubo in un’azienda di San Salvatore

Dodici persone, sequestrate e rapinate. Tre impiegate e nove commercianti legati e rinchiusi in uno sgabuzzino, ostaggi di tre rapinatori armati di pistola con indosso un passamontagna. L’incubo l’altra mattina verso le 8 nell’ufficio amministrativo di una società contabile nel quartiere San Salvatore a Seregno. I banditi hanno sequestrato e minacciato le tre impiegate: “Fate tutto quello che vi diremo, altrimenti vi uccidiamo”, poi hanno atteso l’arrivo in ufficio dei clienti, commercianti e ristoratori, per consegnare l’incasso.

Nove ristoratori e commercianti rinchiusi in un ripostiglio

In ufficio le impiegate non hanno potuto fare altro che ubbidire ai banditi. Uno dopo l’altro, nove esercenti sono stati bloccati dai delinquenti, legati mani e piedi con le fascette da elettricista e rinchiusi in un locale attiguo all’ufficio dopo aver consegnato l’incasso in contanti. I tre banditi sono rimasti nell’azienda per oltre due ore con dodici persone sequestrate, poi sono fuggiti a bordo di un furgone bianco con un bottino di 41mila euro.

I tre banditi in fuga con un bottino di 41mila euro

Soltanto verso le 11.30 uno degli esercenti rinchiuso nello sgabuzzino è riuscito a liberarsi: con un calcio ha sfondato una parete in cartongesso e ha chiesto aiuto. Liberati gli ostaggi e raccolte le prime drammatiche testimonianze i Carabinieri si sono messi sulle tracce dei rapinatori fuggiti a bordo di un furgone bianco. Con un ingente spiegamento di forze, li hanno rintracciati qualche ora verso le 17.30 dopo in un appartamento di Lissone.

I rapinatori scoperti in un appartamento di Lissone

I delinquenti sono stati scoperti grazie alla brillante operazione dei Carabinieri della Compagnia di Desio al comando del capitano Mansueto Cosentino e dei colleghi della Compagnia di Seregno guidati dal capitano Danilo Vinciguerra. Si erano nascosti  nell’appartamento di uno dei tre a Lissone. Quando i militari dell’Arma hanno fatto irruzione nell’immobile, stavano ancora discutendo su come dividere l’ingente bottino della clamorosa rapina consumata poche ore prima nella società di Seregno. A tradirli il furgone utilizzato per la fuga, risultato rubato pochi giorni prima a Milano e di proprietà di un albanese.

In manette i delinquenti, due di Lissone e uno di Pescara

In manette sono finiti due fratelli di 61 e 58 anni originari di Foggia ma domiciliati a Lissone, il terzo è un 58enne di Pescara: sono accusati dai Carabinieri di rapina a mano armata, sequestro di persona e ricettazione. Uno dei delinquenti, alcuni anni fa, aveva ucciso una guardia giurata in un conflitto a fuoco.

L’INTERVISTA A UNO DEI SOCI DELLA COOPERATIVA 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia