Donna scomparsa da marzo: alla famiglia arriva una misteriosa telefonata da un convento

Lo sconvolgente racconto dalla famiglia della 53enne scomparsa.

Donna scomparsa da marzo: alla famiglia arriva una misteriosa telefonata da un convento
13 Dicembre 2018 ore 14:33

Donna scomparsa in Val Cavargna: non si hanno più tracce di Rosaria Curti, 53 anni, da venerdì 9 marzo 2018. La famiglia della donna ha però raccontato a “Chi l’ha visto” di aver ricevuto una misteriosa telefonata proveniente da un convento.

Donna scomparsa da marzo: alla famiglia arriva una misteriosa telefonata

Sconvolgente il racconto della sorella Giuliana: “Ero al supermercato quando ho ricevuto una telefonata. Rispondo e sento dei singhiozzi, pensavo a qualche bambino in casa che aveva fatto per errore un numero. Poi però è partita una lamentela, intensa, forte. Ero sconvolta. Mi è sembrata mia sorella non dalla voce, ma dal modo e dall’intensità. Mi ha riportato alla mente che faceva così quando era senza medicine”. Dopo la telefonata la famiglia ha sporto denuncia ai Carabinieri. Da lì si è scoperto che la telefonata è partita da 700km dalla casa dove abitava Rosaria.

Il numero è di una madre superiora

La cosa più strana è che l’angosciante telefonata sia partita dal telefono intestato a una madre superiora di un convento a Chieti. “Questa telefonata ci ha ribaltato ancora di più, non sappiamo dove sbattere la testa”. Spiega Giuliana, molto scossa.

Dal convento negano

La nipote di Rosaria, Jessica racconta: “Abbiamo contattato il convento e subito hanno negato di aver fatto quella telefonata. Volevamo capire, perché una chiamata deve essere spiegabile. Non può essere uno sbaglio, è stata una telefonata pazzesca”. Anche l’inviata di “Chi l’ha visto” si è recata a Chieti per chiedere spiegazioni alla madre superiora ma non è riuscita a trovarla.

Il dolore dell’anziana mamma

Le tante giornate di angoscia e silenzio sono state rotte da questa telefonata anonima su cui ci sono ancora poche spiegazioni. La mamma della donna scomparsa, in lacrime, ha spiegato: “E’ brutto veder scomparire una persona. Penso sempre che morirò senza vederla”. E poi l’accorato appello: “Rosaria, se ci sei, torna a casa che ti voglio bene. Qui sei sempre la benvenuta”.

Cosa c’è dietro quella telefonata?

Il dubbio a questo punto resta: si tratta di un errore, uno scherzo terribile o qualcuno ha voluto far sentire la voce di Rosaria? Di certo c’è che la donna ha paura degli estranei eppure nel giorno della sua scomparsa è uscita di casa e ha chiesto un passaggio fino a una farmacia di Carlazzo. Da lì non si sa più nulla…

 

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia