E’ partita la Marcia della Vittoria VIDEO

Alle 9 le otto colonne si sono messe in cammino. Attraverseranno tutta la Provincia di Monza e Brianza ricordando i caduti della Grande guerra

Caratese, 03 Novembre 2018 ore 10:29

E’ partita la “Marcia della Vittoria”. Alle 9 di oggi, sabato, le otto colonne dell’Unuci («Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia») si sono messe in cammino. Attraverseranno tutta la Provincia di Monza e Brianza ricordando i caduti della Grande guerra, a cento anni dall’armistizio.

A Veduggio l’appello: “Proteggiamo la pace”

Alle 9 in punto, rappresentanti dell’Amministrazione comunale, Alpini, Protezione civile e carabinieri della caserma di Besana hanno accolto a Veduggio la colonna 5.

Il sindaco Maria Antonia Molteni ha letto i nomi dei veduggesi che persero la vita al fronte. “Sono la nostra gente, i nostri eroi”.

Ha ringraziato le forze armate e poi si è appellata agli adulti, affinché insegnino ai ragazzi che “la pace non è data per sempre. E’ necessario proteggerla”.

La “Marcia della vittoria” continua

Da quando l’Italia dichiarò guerra all’Austria-Ungheria il 23 maggio 1915 al 4 novembre 1918, all’armistizio di Villa Giusti che mise la parola fine alla Prima Guerra Mondiale, furono circa un migliaio i soldati del Caratese che morirono nelle trincee. Un tributo molto alto, se si pensa che i Caduti nei 55 Comuni della provincia di Monza e Brianza furono 4.103. Numeri dietro a cui ci sono storie di uomini in carne e ossa, con le loro paure, le loro speranze e il ricordo degli affetti lasciati a casa. Da qui nasce l’idea della “Marcia della Vittoria”, promossa dalla sezione brianzola dell’Unuci («Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia»), che oggi, sabato 3, e domani, domenica 4 novembre, attraverserà i comuni della Brianza.

Otto “colonne” sono in marcia dai limiti estremi della Provincia di Monza e Brianza (Ceriano Laghetto, Misinto, Lazzate, Briosco, Veduggio, Aicurzio, Cornate d’Adda e Busnago) fino a Monza, passando da tutti i Comuni brianzoli e rendendo omaggio a tutti i monumenti ai caduti. Il percorso ideale dei fanti o soldati-contadini della Grande Guerra: dalle loro case e dalle piazze dei loro paesi alla sede del distretto militare di Monza fino al fronte. Gli otto percorsi, di circa 20 chilometri ciascuno, si concluderanno nel tardo pomeriggio di oggi  a Vedano, Lissone, Muggiò, Biassono, Arcore, Villasanta, Concorezzo e Brugherio.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia