Elena Fanchini scende “in pista” per gli alluvionati

L’iniziativa di Cancro Primo Aiuto per il Veneto, di cui Netweek è media partner, riscuote adesioni.

Elena Fanchini scende “in pista” per gli alluvionati
31 Gennaio 2019 ore 19:37

Elena Fanchini scende “in pista” per gli alluvionati

La campionessa di sci Elena Fanchini scende “in pista” per aiutare gli alluvionati del Veneto. E continua a crescere il numero di sostenitori dell’iniziativa lanciata da Cancro Primo Aiuto e di cui il circuito Netweek è media partner.

Sono queste le principali novità della raccolta di materiale edile per la ricostruzione, soprattutto di abitazioni e aziende, e di mobili di arredamento per sostituire quelli andati distrutti avviata dopo l’alluvione che ha colpito in particolare, alla fine dell’ottobre scorso, le aree venete dell’Agordino, del Cadore, del Feltrino e del Comelico.

La campionessa e il suo impegno come testimonial

Partiamo dall’impegno di Elena Fanchini, specialista di Discesa e SuperG, medaglia d’argento nella Discesa libera ai Mondiali di Bormio del 2005, che può vantare anche due vittorie in Coppa del Mondo a Lake Louise, in Canada, e a Cortina d’Ampezzo. Insieme a Peter Fill e a Francesca Marsaglia, Elena è da diversi mesi testimonial di Cancro Primo Aiuto.

Pur essendo bloccata a casa per l’infortunio patito al suo ritorno agli allenamenti dopo aver superato, nei mesi scorsi, il cancro, Elena ha voluto contribuire alla raccolta lanciando un appello a imprenditori e cittadini che volessero partecipare alla raccolta. Lo spot andrà in onda già dai prossimi giorni dai canali che fanno capo a Mediapason (Telelombardia, Antenna 3 e Milanow).

Il reclutamento di sponsor continua

Prosegue, intanto, il reclutamento di nuovi sponsor dell’iniziativa promossa da Cancro Primo Aiuto con la collaborazione della Lega Lombarda, di Confimi Monza e Brianza di Confindustria Lecco-Sondrio e del Presidio territoriale di Monza e Brianza di Assolombarda.

A loro si sono uniti, nel corso di queste settimane, diversi sostenitori: in primis Caloni Trasporti, che si farà carico di tutta la parte logistica del progetto, dal trasporto alla messa a disposizione di un magazzino in provincia di Padova. Con lui For Hotel Complements, che nel magazzino di Padova ha già fatto arrivare diversi bancali di piatti, bicchieri e posate, Bi.Ma, fornitore di un paio di camion di pellet che sono stati destinati all’Altopiano di Asiago, ad Agordo, a Santo Stefano di Cadore e in Val di Zoldo; e poi la catena di centri commerciali Iperal, l’azienda Tagliabue Spa, Essedicer e DAI – Distribuzione Automatica Italiana, che ha fornito una decina di macchine per il caffè.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia