Enpa Monza, due ricci soccorsi in pochi giorni FOTO

Lo staff del rifugio di via San Damiano dispensa utili consigli in caso di ritrovamenti

Enpa Monza, due ricci soccorsi in pochi giorni FOTO
06 Giugno 2017 ore 17:21

Enpa Monza, due ricci sono stati soccorsi nell’arco di pochi giorni. Verso fine maggio due episodi che hanno avuto un riccio come protagonista confermano che questo simpatico animaletto selvatico è ancora sconosciuto ai più, che quando ne incontrano uno non hanno le idee ben chiare sul da farsi.

Il primo caso

Il primo incontro ravvicinato è avvenuto un sabato mattina sui gradini che portano ai loculi del cimitero di Monza. Una signora, che pare non aver affatto gradito la sorpresa, ha lasciato il riccio sul posto senza prestargli soccorso, anzi, postando subito la sua foto su Facebook per cercare appoggio al suo disgusto. Ovviamente non ne ha trovato, ma in compenso i volontari dell’ENPA di Monza hanno potuto leggere il suo post e si sono quindi precipitati sul luogo. Purtroppo nel frattempo qualcuno del personale del cimitero lo aveva spostato in un prato vicino e quando i volontari sono arrivati dell’animaletto non c’era traccia.

Preso in tempo

Per fortuna la mattina successiva alcuni privati, sensibili al tema, lo hanno trovato e portato nel rifugio di Monza in via San Damiano 21 dove è stato visitato: si trattava di una femmina molto gonfia, che presentava anche una ferita sulla testa. Per fortuna l’appetito non le mancava, è stata sgonfiata e le è stata ripulita la ferita sul muso. Ha purtroppo perso l’occhio da quel lato ma è sotto antibiotico e si sta riprendendo.

Il secondo, invece, non ce l’ha fatta

Invece non è andata così bene a un riccio recuperato dalla volontaria Claudia su segnalazione di una famiglia di Besana in Brianza (MB): l’animale era rimasto impigliato nella rete del loro giardino ed è arrivato al rifugio in stato quasi comatoso e con un arto gonfio. Qui è stato ripulito dalle larve di mosca, idratato e sottoposto a una terapia di vitamine e antibiotico. Ma purtroppo non è riuscito a reagire, non ha ripreso le forze né ad alimentarsi e pochi giorni dopo è deceduto.

Utili consigli

Ricordiamo che i ricci sono animali arrampicatori e fuggitivi, quindi vederne uno fermo sui gradini non in grado di muoversi, come nel caso del cimitero, è sicuramente un campanello d’allarme. Così come se ne vediamo uno in giro di giorno, essendo animali notturni, se presenta ferite, soprattutto se intorno volano mosche, oppure se si tratta di un cucciolo da solo. In questi casi vanno soccorsi e portati al più vicino centro di recupero. Attenzione però, soprattutto in questo periodo, se si trova un riccio in giro di notte che non rientra nei casi elencati sopra, non spostatelo, perché potrebbe essere una mamma che sta allattando. Se si trova vicino a una strada, aiutatelo mettendolo al sicuro nel pezzo di verde più vicino, ma senza spostarlo troppo lontano dal luogo del ritrovamento o non sarà più in grado di orientarsi e di tornare quindi alla propria tana.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia