Enpa soddisfatta per l’obbligo del microchip anche per i gatti

"Importante passo in avanti per la loro tutela".

Enpa soddisfatta per l’obbligo del microchip anche per i gatti
17 Gennaio 2020 ore 11:43

Enpa soddisfatta per l’obbligo del microchip anche per i gatti. “Importante passo in avanti per la loro tutela”.

Enpa soddisfatta per l’obbligo del microchip anche per i gatti

Mentre la registrazione all’anagrafe canina è obbligatoria da quasi trent’anni nel nostro Paese (Legge quadro 281/1991) ma purtroppo di fatto ignorata in molte Regioni italiane, la Lombardia fa un passo in più per incentivare la proprietà responsabile. Dall’1 gennaio 2020, infatti, è entrato in vigore l’inserimento obbligatorio del microchip anche per i gatti di proprietà con la registrazione nell’anagrafe degli animali d’affezione (AAA) regionale.

Il provvedimento è contenuto nel Piano Regionale integrato della sanità pubblica veterinaria 2019-2023 approvato la scorsa primavera e vale per tutti i gatti appena nati, appena adottati o appena comprati.

Tutti questi mici dovranno essere provvisti di un microchip e la loro presenza sul territorio registrata entro 30 giorni dalla nascita o 15 giorni dal possesso, come già avviene per i cani, per i gatti delle colonie feline seguiti dal Servizio Veterinario e per altri animali, come ad esempio le tartarughe.

La registrazione non ha valore retroattivo, quindi non riguarda i gatti che già vivono in famiglia; per loro resta facoltativa ma è caldamente consigliata dall’ENPA. L’obbligo di microchip, infatti, ha ridotto al minimo il numero di cani smarriti e abbandonati, almeno in Nord Italia.

Perché è importante il provvedimento?

La presenza del microchip, che viene rilevato con un apposito lettore, identifica tramite un codice a 15 cifre il Paese di origine del gatto, i dati identificativi dell’animale, ma soprattutto i dati e i recapiti del proprietario.

ENPA di Monza e Brianza da diverso tempo ormai lo applica a tutti i felini che transitano nella struttura di via San Damiano 21 con dispositivi forniti dall’ATS, sia gatti destinati all’adozione che quelli di colonia da rilasciare nel proprio habitat.
Naturalmente ogni gatto che arriva nella struttura viene subito controllato per l’eventuale presenza del microchip che permetterà la restituzione al legittimo proprietario (o al tutore della colonia, in caso di gatti liberi).

Purtroppo, sottolinea Enpa, sono tanti i gatti che per i più svariati motivi vengono separati dal loro proprietario. Moltissimi, non sterilizzati, si allontanano in cerca di avventure amorose. Alcuni si perdono uscendo troppo presto dopo l’arrivo in una nuova casa (ENPA infatti raccomanda sempre di tenerlo in casa per le prime settimane dopo
l’adozione per permettergli di acquisire i riferimenti territoriali). Qualcuno cade dal balcone e altri scappano dalla casa del parente o amico a cui è stato affidato durante l’assenza del proprietario. Se in qualche raro caso qualcuno di loro fa rientro in famiglia, è quasi sempre grazie agli appelli e ricerche sui social. Ma da oggi la situazione cambia, e anche i gatti avranno un’importante protezione in più!

Chi mette il microchip?

ENPA consiglia di fare riferimento all’ATS della propria provincia che darà informazioni su dove recarsi per l’applicazione. Il microchip può essere posizionato sia da un veterinario autorizzato sia da un veterinario dell’ATS.

Per informazioni per la provincia di Monza e Brianza, rivolgersi al dipartimento veterinario e sicurezza degli alimenti di origine animale – servizio sanità animale:
– Ufficio di Besana in Brianza – tel. 0362-996252 / besana.sananim@ats-brianza.it
– Ufficio di Desio – tel. 0362-304822 / desio.sananim@ats-brianza.it
– Ufficio di Monza – tel. 039-2384614 / monza.sananim@ats-brianza.it
– Ufficio di Usmate – tel. 039-6288028 / usmate.sananim@ats-brianza.it

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve