Esame di maturità più frutta meno caffè

E’ questo il consiglio della Coldiretti a tutti gli studenti che affrontano le prove.

Esame di maturità più frutta meno caffè
21 Giugno 2018 ore 10:06

Esame di maturità, più frutta meno caffè. E’ questo il consiglio della Coldiretti a tutti gli studenti che affrontano le prove.

Esame di maturità, i consigli

Esami di maturità in corso… occhio a curare l’alimentazione: l’abuso di caffè è l’errore alimentare più frequente degli studenti. Un buon modo per affrontare lo stress di questi giorni di studio è invece consumare frutta fresca. Questa aiuta a rilassarsi e a combattere il grande caldo. È quanto afferma Coldiretti che ha stilato la lista degli alimenti “promossi e bocciati” nella dieta per gli esami di maturità che interessano 509mila studenti.

Ecco le tracce della prima prova

Vincere le preoccupazioni

Un aiuto per vincere la preoccupazione viene dagli alimenti ricchi di sostanze rilassanti. Ad esempio  pane, pasta o riso, lattuga, radicchio, cipolla, formaggi freschi, yogurt, uova bollite. E poi ancora latte caldo, frutta dolce e infusi al miele che favoriscono il sonno e aiutano l’organismo a rilassarsi. Tutto questo per affrontare con la necessaria energia e concentrazione la sfida scolastica.  Per affrontare il rush finale da evitare, perché possono provocare insonnia e agitazione, sono, oltre al caffè, patatine in sacchetto, salatini e cioccolata. Queste sono invece spesso presenti tra le scorte di emergenza delle ansiose vigilie.

I numeri di Coldiretti

“In Piemonte il comparto frutticolo è importante. Per quanto riguarda le pesche registra 3.474 aziende, una produzione di quasi 2 milioni di quintali e una superficie di 4.416 ettari. Per i kiwi quasi 2.500 aziende, una produzione di 1,2 milioni di quintali e una superficie di oltre 4.500 ettari. Mele quasi 4 mila aziende, una produzione di 2,4 milioni di quintali ed una superficie di 6 mila ettari – evidenziano da Coldiretti –. A disposizione una vasta scelta sia di frutta sia di trasformati: sono numerose, infatti, nella nostra regione le imprese che producono marmellate e succhi che, consumati freschi, danno sollievo in questi giorni di caldo. Per i trasformati della frutta continuiamo la battaglia verso la tracciabilità affinché al più presto arrivi l’etichettatura obbligatoria d’origine a tutela delle produzioni Made in Piemonte. Nei mercati di Campagna Amica diffusi in tutta la regione in maniera capillare è possibile acquistare la frutta di stagione e i trasformati al fine di avere la garanzia di consumare prodotti genuini e del territorio”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia