Fiori per la sicurezza in via Bergamo

Una trovata fantasiosa per ovviare alla maleducazione di alcuni ciclisti

Fiori per la sicurezza in via Bergamo
07 Novembre 2017 ore 13:10

Fiori per la sicurezza: nel sottopasso di via Bergamo sono stati posizionati dei vasi per mettere in sicurezza pedoni e ciclisti.

Fiori per la sicurezza nel sottopasso

Fiori per la sicurezza nel sottopasso di via Bergamo,  teatro nei giorni scorsi dell’ennesimo investimento.

Ieri pomeriggio alcuni operai hanno posizionato davanti alle porte dei due ascensori laterali del sottopasso due vasi piantumati con piccole siepi, così da obbligare i ciclisti a scendere dalle passerelle laterali conducendo le bici a mano.

Così come previsto peraltro dal regolamento.

Una donna travolta

Soltanto pochi giorni fa l’ultima chiamata alla Croce Bianca, seguita dall’intervento di una pattuglia della Polizia Locale.

Una donna di 52 anni, di origini straniere, è rimasta ferita dopo essere stata travolta da un 16enne che da via Bergamo si stava dirigendo verso via Amati.

Imboccata la passerella laterale in sella alla sua bicicletta il ragazzo ha infatti centrato in pieno la donna in procinto di uscire dall’ascensore riservato ai pedoni.

Una soluzione creativa

Dopo le ripetute lagnanze dei residenti circa il mancato rispetto delle regole da parte di molti ciclisti maleducati ieri finalmente è arrivata la soluzione.

“Erano due vasi che da tempo giacevano inutilizzati nel magazzino comunale – ha dichiarato il consigliere leghista Salvatore Russo – Ho pensato dunque che potevano tornare utili per risolvere il problema senza spendere troppi soldi. Ora i ciclisti saranno costretti a imboccare le passerelle laterali conducendo i loro mezzi a mano per non rischiare di andare a sbattere contro i vasi. E i pedoni potranno salire e scendere tranquillamente dagli ascensori”.

Della serie “poca spesa, tanta resa”. E in effetti la fantasiosa trovata ha già trovato parecchi consensi fra i residenti.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia