Fugge dalla struttura d’accoglienza a Monza, bimbo percorre una superstrada a piedi

Il bambino era arrivato dall’Eritrea su un barcone, diviso dal suo gruppo e affidato a una struttura di accoglienza a Monza. Ma il giorno di Natale è scappato

Fugge dalla struttura d’accoglienza a Monza, bimbo percorre una superstrada a piedi
27 Dicembre 2016 ore 13:37

Il bambino era arrivato dall’Eritrea su un barcone, diviso dal suo gruppo e affidato a una struttura di accoglienza a Monza. Ma il giorno di Natale è scappato. È fuggito dal centro di accoglienza a cui era stato affidato per raggiungere i suoi amici. E non ha pensato alla pericolosità di percorre una superstrada a piedi: si è incamminato e ha percorso diverse centinaia di metri, fra le auto ad alta velocità. Sono stati due agenti della Polizia stradale di Seregno che hanno visto il ragazzino e lo hanno portato in salvo.

Il protagonista di questa storia è un bambino eritreo di 10 anni. Il piccolo, giunto come profugo in Italia e senza genitori, era finito in un primo tempo in un centro di accoglienza a Milano. Poi il trasferimento in una struttura per minorenni di Monza, gestita da suore.

Il giorno di Natale ha eluso la sorveglianza e nel primo pomeriggio ha imboccato la statale 36 in direzione Milano. Ha percorso qualche centinaio di metri e poi ha cominciato a fare avanti e indietro fino a quando due agenti della Polizia stradale di Seregno lo hanno visto e salvato. Addosso aveva solo un tesserino di riconoscimento di una comunità milanese.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia