Cronaca
Macherio

Giallo sul misterioso furto in chiesa: rubata la reliquia di san Giuseppe

Ignoti si sono impossessati di un pezzo di stoffa legato al santo e custodito all’interno di una teca.

Giallo sul misterioso furto in chiesa: rubata la reliquia di san Giuseppe
Cronaca Caratese, 28 Novembre 2021 ore 15:20

Sparita la reliquia di san Giuseppe custodita in una teca all’interno della chiesa. E’ giallo sul misterioso furto avvenuto nei giorni scorsi in via Milano a Macherio, nella chiesa dei santi Gervasio e Protasio.

Giallo sul misterioso furto in chiesa

Ignoti malfattori si sono intrufolati probabilmente negli orari di apertura della parrocchia perché non sono stati riscontrati segni di effrazione. Si sono quindi impossessati della reliquia di san Giuseppe: si tratta di un pezzo di stoffa che era custodito all’interno di una teca in vetro.
La reliquia era posizionata accanto alla statua di san Giuseppe, che si trova sulla sinistra della navata centrale, accessibile a tutti. Il fatto è stato denunciato ai Carabinieri che ora stanno indagando sulla vicenda.

Proprio nell'anno di San Giuseppe

Un furto avvenuto proprio nell’anno di san Giuseppe, iniziato l’8 dicembre 2020, che terminerà dunque entro pochi giorni. Indetto da Papa Francesco per celebrare il 150esimo anniversario della proclamazione di san Giuseppe a patrono della Chiesa universale.
"Un anno dunque speciale, dedicato a san Giuseppe, capo della celeste Famiglia di Nazareth, dove i fedeli hanno la possibilità di impegnarsi, con preghiere e buone opere, per ottenere, con l’aiuto di san Giuseppe, conforto e sollievo dalle gravi tribolazioni umane e sociali che oggi attanagliano il mondo contemporaneo" come si legge sul libretto parrocchiale creato per l’anno speciale.
Una devozione talmente profonda nei confronti del «custode» del Redentore: è forse la spiegazione del furto della reliquia? Ma non sono nemmeno mancati nella storia casi di cronaca nei quali questi gesti sono stati attribuiti a squilibrati, privi dunque di una precisa motivazione. La compravendita delle reliquie è considerata simonia, il furto è invece un sacrilegio.
Rammaricato il coadiutore parrocchiale don Matteo Vasconi: interpellato per quanto accaduto, ha confermato il fatto ma ha preferito non rilasciare dichiarazioni.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie