Giovani sestesi e musulmani a confronto sulla moschea cancellata

L'incontro a poche ore dallo stop definitivo al progetto voluto dall'Amministrazione comunale di Sesto

Giovani sestesi e musulmani a confronto sulla moschea cancellata
Cronaca 12 Ottobre 2017 ore 11:48

Giovani sestesi e musulmani per parlare della moschea.

Una serata per discutere della moschea

Una serata, quella di ieri sera, mercoledì, in cui la lista civica dei  Giovani Sestesi, i musulmani e i cittadini  presenti hanno parlato del destino della moschea di Sesto. Lunedì notte la Giunta di centrodestra ha definitivamente bocciato quella che è considerata la  moschea più grande del nord Italia, revocando il diritto di superficie alla comunità islamica.

Una decisione che ha lasciato l’amaro in bocca a molti giovani

“La sestesità è sinonimo di accoglienza e dialogo – ha detto Barbara Macchia, una giovane sestese -L’Amministrazione ha messo i bastoni tra le ruote a chi cercava una soluzione”.

Le parole dell’imam

I giovani musulmani parlano attraverso l’imam Abdullah Tchina: “Speriamo ancora che il progetto si faccia. Cercheremo ancora il dialogo. Crediamo ancora in un futuro in città. Non abbiamo mai creato danni o problemi. I nostri giovani sono nati qui, sono sestesi e sognano un Italia e una Sesto multiculturale”.

La situazione dopo lo stop alla grande moschea

A Sesto ci sono 4mila musulmani che non hanno più un posto per pregare. “Questa Amministrazione non ha trovato alternative, ha solo detto no – ha detto Paolo Vino della lista civica Giovani Sestesi – Con questa scelta non cancella la presenza dei musulmani in città. Ha ignorato gli appelli del Papa e del decano di Sesto in nome del radicalismo. Ma il terrorismo si sconfigge con l’integrazione”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità