Giussano

Giussano, dalla Regione 90.000 euro per la caserma

Grazie al consigliere regionale della Lega, Alessandro Corbetta

Giussano, dalla Regione 90.000 euro per la caserma
Cronaca Caratese, 21 Dicembre 2020 ore 15:54

Giussano, dalla Regione 90.000 euro per  sistemare la caserma dei Carabinieri

 

Un bel regalo di Natale…

Via libera al Pirellone a un ordine del giorno al bilancio presentato dal consigliere regionale della Lega, Alessandro Corbetta. “Il documento approvato dal parlamento lombardo – spiega Corbetta – impegna la Giunta regionale ad assicurare il finanziamento dei 90 mila euro necessari per ristrutturare la caserma dei Carabinieri di Giussano. La caserma è stata realizzata nei primi anni ottanta, oggi ospita 16 militari e agisce sui territori di Giussano e Briosco, con una competenza su 32mila abitanti. Un presidio di sicurezza fondamentale per questo territorio, su cui però non si è mai investito in modo significativo negli scorsi anni”.

Si provvederà dunque a rinnovare la struttura di via Prealpi.  “Rinnovare la struttura – prosegue il consigliere regionale – significa consentire ai militari dell’Arma di svolgere il loro prezioso servizio con maggiore efficienza e comfort. Poter contare su mezzi e su caserme adeguate agli obiettivi prefissati, è fondamentale se vogliamo tutelare in maniera efficiente la sicurezza dei nostri cittadini e proprio per questo la Lombardia continuerà a investire a sostegno delle nostre forze dell’ordine”.

Nel merito è intervenuto anche il sindaco di Giussano, Marco Citterio: “Un grazie al consigliere regionale Corbetta e a regione Lombardia per aver compreso e di conseguenza finanziato un importante intervento a tutela della sicurezza dei cittadini Giussanesi. Dopo anni di stallo finalmente si effettuerà un importante intervento di restauro interno della caserma dei Carabinieri che da un lato permetterà una migliore sicurezza dell’accesso alla struttura e dall’altro insisterà sugli alloggi per migliorare il confort dei militari che operano sul territorio. La caserma oggi è composta da militari uomini e anche donne e l’intervento permetterà la permanenza con la dovuta privacy di entrambi i sessi.”

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità