Protezione Civile

Gli Alpini non si fermano neanche a Natale: pasti caldi per medici e infermieri

Ogni giorno i volontari consegnano il pranzo a chi lotta contro il Covid tra le corsie degli ospedali

Gli Alpini non si fermano neanche a Natale: pasti caldi per medici e infermieri
Cronaca Monza, 23 Dicembre 2020 ore 14:28

Gli Alpini non si fermano neanche a Natale: pasti caldi per medici e infermieri.

Gli Alpini cucinano per i medici e gli infermieri

Le attività, nel magazzino di via Fossati 23, a Monza, cominciano di buon mattino. Nove, 9.30 al massimo e la cucina inizia ad animarsi coi primi volontari che predispongono quanto necessario per la preparazione dei piatti. Un giorno pasta, quello dopo spezzatino. Pasti caldi e sostanziosi destinati agli operatori sanitari impegnati in prima linea nella lotta contro il Covid.

A realizzarli – ma anche a confezionarli e a trasportarli direttamente nelle strutture individuate, ovvero il San Gerardo, l’ospedale di Vimercate e il drive through allestito nell’area dell’ex Fiera – sono i volontari dell’unità di Protezione Civile della sezione monzese dell’Associazione Nazionale Alpini che non si fermeranno nemmeno il giorno di Natale. «Anzi – sottolineano Roberto Viganò, il presidente della sezione, Danilo Cereda, coordinatore dell’unità, e il caposquadra Giampaolo Longhi – Il 25 cucineremo pure il secondo e porteremo a tutti una fetta di panettone».

Un’unità, questa, che è stata attivata dal Comune e che è impegnata nel progetto insieme ad altre tre associazioni: Riun (Ristoranti uniti), Branco onlus e i tifosi della curva Pieri. Trecento pasti al giorno (tra pranzo e cena) cucinati e confezionati grazie alle donazioni delle materie prime da parte delle associazioni di cui sopra, ma anche di privati (come gli utenti del gruppo Facebook EasyMonza) e di realtà della grande distribuzione.

La consegna dei pasti (cucinati dai cuochi volontari come Giampietro Carmagnola che è anche tesoriere della Sezione e Alberto Pizzo, «il nostro veterano delle emergenze») inizia intorno alle 12 quando i due mezzi carichi di vaschette ancora calde lasciano il magazzino di via Fossati.

A contribuire all’approvvigionamento della cucina da campo anche gli utenti del gruppo Facebook EasyMonza, capitanato da Sonia Diligenti. «Abbiamo ricevuto di tutto e di più – ha spiegato – Ogni giorno mia sorella Silvana e io riempiamo scatole intere coi generi alimentari che i monzesi ci portano e che poi arrivano direttamente nella cucina degli Alpini. I monzesi hanno un cuore davvero immenso».

5 foto Sfoglia la gallery

 

Il servizio completo sull’edizione del Giornale di Monza di martedì 22 dicembre 2020.

TORNA ALLA HOME PAGE

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità