In occasione della festa dei nonni

Gli auguri speciali al nonno colpito da quattordici infarti

Il dolce messaggio ad Antonio Cachat di Cesano Maderno, che nonostante i problemi di salute lotta per veder crescere i suoi nipoti.

Gli auguri speciali al nonno colpito da quattordici infarti
Seregnese, 02 Ottobre 2020 ore 15:36

In occasione della festa dei nonni, che si celebra oggi, venerdì 2 ottobre 2020,  ecco il dolce messaggio di auguri dei nipoti al nonno Antonio Cachat “Tonno” di Cesano Maderno, che dopo quattordici infarti lotta per vederli crescere.

Gli auguri a nonno “Tonno”, che lotta per veder crescere i suoi nipoti

“Il rapporto tra i miei figli e mio padre? Speciale”. Non usa altri termini Jenni Cachat, residente a Cesano Maderno, madre di Mattia, 13 anni e mezzo, e Marcello, 8 anni. A nonno Antonio i due bambini hanno dedicato un messaggio speciale per la festa dei nonni. «A te nonno “Tonno” che sei la nostra forza e lotti ogni giorno per vederci crescere”.

Ha avuto 14 infarti ed è malato di fibromialgia

Perché Antonio, 64 anni, papà di Jenni, si è gravemente ammalato tre anni fa. «Ha dovuto affrontare 14 infarti, ha avuto un crollo polmonare e tanti altri problemi. E’ malato di fibromialgia, che gli provoca dolori diffusi e rigidità muscolare. E’ un grande guerriero. Vive per noi nonostante i suoi problemi», ha spiegato la figlia.

Una situazione complicata dall’emergenza Coronavirus

Tre anni duri e complicati, con l’emergenza Coronavirus che non ha certo semplificato le cose. “Trattandosi di un soggetto a rischio non lo abbiamo visto di persona praticamente per mesi. Lui vive insieme a un badante e a mia nonna, sua madre, ma è allettato e non può alzarsi. Gli portavamo la spesa e gliela lasciavamo fuori dalla porta di casa. Abbiamo però mantenuto il contatto tramite le videochiamate. Ci sentivamo almeno 5/6 volte al giorno e continuiamo a sentirci tutti i giorni anche oggi”, ha raccontato Jenni.

E’ un grande amante della tecnologia

Nonno Antonio è infatti un grande amante della tecnologia, una passione che ha trasmesso ai nipotini, specialmente a Mattia: “Hanno un grande legame. Lo videochiamano spesso durante la giornata. Quando sono in giardino per fargli vedere i fiori o quando hanno bisogno di consigli. C’è un forte legame tra loro, lo stesso che c’è con me e che probabilmente sono stata io a trasmettere ai ragazzi. Abbiamo avuto modo di vederlo di persona in estate qualche settimana fa, dopo che era uscito da un nuovo ricovero. Sta lottando come un leone per godersi ogni momento con noi”.

Un legame fortissimo che mai si spezzerà

Un legame fortissimo, un rapporto speciale: “Papà non sa ancora quanto tempo potrà essere dei nostri e cerca di essere presente il più possibile per Mattia e Marcello. Anche solo abbracciarlo è difficile, complici i tanti farmaci che è costretto a prendere per la sua malattia, ma il legame continua a restare fortissimo. Un filo che non si spezza e mai si spezzerà”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia