Gli studenti di Bellusco e Mezzago hanno scritto il loro “Manifesto dell’Acqua”

Si è concluso il ciclo d'incontri organizzato da BrianzAcque e Acli Milanesi.

Gli studenti di Bellusco e Mezzago hanno scritto il loro “Manifesto dell’Acqua”
Vimercatese, 19 Dicembre 2018 ore 10:08

Gli studenti di Bellusco e Mezzago scrivono il loro “Manifesto dell’Acqua”. Si è concluso lunedì il ciclo d’incontri organizzato da BrianzAcque in collaborazione con Acli Milanesi.

Due momenti di grande festa

Sono stati due grandi  momenti di festa quelli che hanno coinvolto circa 200 bambini  venerdì 14 a Bellusco  e lunedì 17 dicembre a Mezzago,  al termine del percorso di formazione “Acqua in classe”. L’iniziativa, che si inserisce nel progetto “Acqua Insieme”,  nata dalla partnership tra  BrianzAcque ed Acli Milanesi, è partita a fine ottobre in 6 comuni della Brianza e ha visto in questi mesi oltre 650 bambini  di 33 classi approfondire tutte le tematiche riguardanti l’acqua che tutti i giorni sgorga dal rubinetto. I bambini sono stati accompagnanti in questi mesi dagli operatori del  progetto  in un viaggio fantastico attraverso la narrazione di una storia: due fratellini (un maschio e una femmina) per recuperare il primo dentino appena caduto nel lavandino, per magia diventano piccoli piccoli, e lo seguono lungo le tubature che portano dal lavandino di casa fino ad al fiume. Al termine del ciclo di incontri sono  stati proprio i bambini a scrivere il loro “Manifesto dell’Acqua”. Durante l’evento conclusivo a Bellusco i bambini della scuola elementare insieme ai propri insegnanti hanno presentato  al  sindaco nonché presidente della provincia di Monza e Brianza,  Roberto Invernizzi  e al presidente di Brianzacque, Enrico Boerci il Manifesto e i cartelloni preparati durante il corso sui cui sono riportate le buone pratiche su cui riflettere e impegnarsi, lavori così belli che, su proposta del Presidente della monoutility brianzola, verranno raccolti in un album digitale e pubblicati sul sito.

“Durante le Feste di Natale – ha spiegato il presidente della Provincia Invernizzi, consegnando ai bambini gli attestati del corso – avete il compito di raccontare in famiglia e ai vostri amici quello che avete imparato nel corso di quest’esperienza:  siate messaggeri di buone pratiche per utilizzare l’acqua in modo intelligente, senza sprechi e senza inquinare”.

Soddisfatto anche il presidente di BrianzAcque Enrico Boerci, che ha esortato i giovani studenti a inserire una corretta gestione dell’acqua come comportamento da tenere anche in ambito scolastico.

La chiusura a Mezzago

Lunedì 17 dicembre l’evento finale del precorso formativo Acqua in classe si è svolto a Mezzago, nella sala consiliare alla presenza del sindaco Giorgio Monti e dei genitori. Monti  ha salutato i bambini e ringraziato Brianzacque, presente con il suo presidente Boerci,  ricordando che “BrianzAcque non è solo l’azienda che fa pagare le bollette, ma è la realtà che valorizza l’acqua nell’ambito territoriale. Grazie al percorso Acquainclasse siamo molto felici di avere  100 giovani cittadini consapevoli e attenti, che metteranno in pratica tutto ciò che hanno imparato”.

A gennaio si svolgeranno gli eventi conclusivi del progetto Acquainclasse  anche a Caponago, Cambiago e Meda.

3 foto Sfoglia la gallery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia