Gran Premio, dedica a Ferrari, Villa Reale e Frecce

Svelato il poster del poster del Gran Premio dedicato alla Rossa di Maranello, all'edificio del Piermarini e alla nostra pattuglia acrobatica

Gran Premio, dedica a Ferrari, Villa Reale e Frecce
Monza, 05 Agosto 2020 ore 11:46

Svelato il poster del poster del Gran Premio di Monza dedicato alla Rossa di Maranello, all’edificio del Piermarini e alla nostra pattuglia acrobatica.

Gran Premio, ecco il poster 2020

È stato svelato oggi il poster ufficiale del Formula 1 Gran Premio Heineken d’Italia 2020 che si correrà domenica 6 settembre all’Autodromo Nazionale di Monza. Una gara che quest’anno, purtroppo causa Covid, si svolgerà a porte chiuse. Il manifesto presentato è l’immagine istituzionale della prima tappa italiana del campionato del mondo di F1. Il progetto grafico è nato da un consolidato sodalizio tra l’agenzia Foolbite e il visual designer Charis Tsevis, sotto la supervisione dell’Autodromo Nazionale di Monza.

Gran Premio, i protagonisti

La protagonista del key visual è una vettura di Formula 1 di diverse tonalità di rosso che sfreccia sulla pista dell’Autodromo, riconoscibile grazie al caratteristico cordolo tricolore. “Sullo sfondo – spiegano i curatori del poster ufficiale – svetta un’architettura neoclassica che ricorda la Villa Reale di Monza. La Reggia è sorvolata dalla pattuglia acrobatica nazionale: le Frecce tricolori che ormai da cinque anni prima della partenza del Gran Premio, lasciano nel cielo delle scie verdi, bianche e rosse. I tre colori, predominanti in tutto l’artwork, celebrano l’italianità della gara.

Gran Premio e poster, ispirazione futurista

“L’ispirazione che ha portato alla realizzazione del poster – spiegano ancora i curatori – trae origine dal futurismo di inizio Novecento, un movimento di avanguardia letteraria e artistica che individuò nella velocità uno dei suoi temi fondanti. Del resto, “La magnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova: la bellezza della velocità”, scriveva Filippo Tommaso Marinetti nel Manifeste du Futurisme pubblicato su Le Figaro nel 1909. Il moltiplicarsi dei punti di vista nelle opere di Boccioni, Carrà e Balla che esprimono l’interagire dinamico con lo spazio circostante, vengono oggi tradotti nel manifesto con la tecnica della mosaic art di cui Charis Tsevis è maestro. Il designer greco (con formazione milanese) ha rielaborato l’idea e la composizione grafica di Paolo Guidobono e Michele Sartori, visual designers e cofondatori di Foolbite, frazionando elementi e colori in un mosaico digital e amplificando così l’idea di energia, dinamicità e velocità che il poster sprigiona. Tsevis ha lavorato per le maggiori agenzie pubblicitarie al mondo ed è l’autore di iconici ritratti di politici, imprenditori e sportivi, tra cui Barack Obama, Steve Jobs e Usain Bolt. Dalla sintesi tra le intuizioni del passato e la tecnica moderna nasce dunque il poster del Formula 1 Gran Premio d’Italia 2020 che verrà declinato su tutti i materiali di comunicazione dell’evento.

Il commento del presidente dell’Autodromo

Spiega Giuseppe Redaelli, presidente dell’Autodromo Nazionale Monza: “Il poster che presentiamo quest’anno ricorda subito l’orgoglio italiano. Il nostro Paese ha sempre ospitato il campionato di F1 ed è una tappa imprescindibile della stagione. Monza, la pista più veloce del campionato con i suoi lunghi rettilinei, continuerà ad emozionare il pubblico fino al 2025 grazie al rinnovo ottenuto dall’Automobile Club d’Italia. La grafica che ricorda il periodo futurista incomincia a ricordare a tutti i nostri fans l’avvicinarsi del centenario del circuito che celebreremo nel 2022″.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia