Grande successo per la rassegna i «Tè della Salute» di CamLei

Gli incontri rappresentano il contesto ideale nel quale approfondire tematiche di salute femminile, a volte considerate tabù

Grande successo per la rassegna  i «Tè della Salute» di CamLei
Monza, 31 Dicembre 2018 ore 08:29

Grande successo per la rassegna i «Tè della Salute» di CamLei

Anche quest’anno si chiude con un grande successo la rassegna dei Tè della Salute organizzata presso il CamLei di Monza. E il sold out è stato registrato anche per l’ultimo Christmas Tea  che ha raccolto i plausi del pubblico con un argomento attualissimo, ovvero le accortezze da prestare a tavola durante questo periodo di feste. Ancora una volta le donne che hanno preso parte all’appuntamento si sono dimostrate partecipi e aperte al dialogo non solo con i medici presenti, ma anche tra loro.

È proprio questo, infatti, il grande punto di forza dei Tè della Salute di Synlab-CamLei: creare un ambiente di dialogo rilassato e informale, dove le tematiche mediche attinenti la salute della donna vengono affrontate con estrema franchezza e genuinità.

I Tè della Salute proposti da CamLei sono un tesoro prezioso, una fonte esclusiva di informazioni a cui tante donne, da ormai tre anni, fanno riferimento ogni mese: dal 2016 ad oggi, infatti, si sono succeduti 23 incontri (due cicli all’anno), che hanno registrato quasi sempre il tutto esaurito. Confrontarsi, condividere esperienze di vita vissuta e porre domande a professionisti e specialisti degustando un tè: i Tè della Salute rappresentano il contesto ideale nel quale approfondire tematiche di salute femminile, a volte considerate tabù.

Durante l’ultimo Christmas Tea è stato annunciato anche il primo appuntamento del 2019: martedì 29 gennaio si parlerà dei percorsi Iinuc, che Synlab Cam Monza ha attivato per valutare e incrementare il benessere psico-fisico in un’ottica di prevenzione, grazie ai nuovi approcci integrati che comprendono anche lo studio del Dna.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia