I Carabinieri di Vimercate e Bellusco salgono in cattedra

Mattinata all'istituto "Falcone e Borsellino" con gli studenti delle classi terze.

I Carabinieri di Vimercate e Bellusco salgono in cattedra
Vimercatese, 23 Gennaio 2020 ore 14:37

I Carabinieri di Vimercate e Bellusco salgono in cattedra. Mattinata all’istituto “Falcone e Borsellino” con gli studenti delle classi terze per gli uomini del capitano Marco Amengoni.

La legalità al centro

Martedì i Carabinieri di Vimercate e di Bellusco si sono concentrati in particolar modo sul tema della legalità, dando vita a un incontro molto interessante e formativo. A darne conto sono stati gli stessi studenti:

“Questa tematica e in particolare il fenomeno del bullismo e dello stalking sono stati affrontati ed approfonditi attraverso esempi di vita quotidiana; il capitano Amengoni si è soffermato inoltre sui reati di lesione e di estorsione che sono abbastanza diffusi tra i giovani – si legge in un resoconto firmato da Giada Beretta, Simona Bordogna, Giorgia Di Paola, Sofia Giunta e Isacco Monzani della classe 3A – Questo incontro informativo è stato molto interessante perché il capitano, coinvolgendo noi ragazzi, ha sottolineato come il rispetto delle persone, delle norme sociali e delle leggi, sia alla base di tutti i comportamenti civili degli individui e costituisca la principale garanzia per la legalità. Il capitano ci ha parlato delle conseguenze dei comportamenti illegali e ci ha spiegato che la legge serve, non a limitare la nostra libertà, ma a mostrarci quali possono essere le conseguenze delle nostre azioni, rendendoci cittadini consapevoli. Il Dirigente Scolastico, professoressa Laura Sisca, ha concluso l’incontro e, collegandosi a quanto detto dall’Ufficiale dei Carabinieri, ha sottolineato che il rispetto e la libertà individuale sono valori strettamente collegati tra loro e che quest’ultima deve essere esercitata sempre nel rispetto dei diritti altrui”.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia